Categoria: Comunicati Ufficiali

Legnano pronto e determinato per domenica

Legnano alle prese con gli infortuni, ma galvanizzato dalla bella prestazione contro il Gaggiano. La trasferta di Lazzate è un crocevia del campionato, ormai non si può più sbagliare. E l’avversario è di quelli tosti.
Mister Tomasoni deve fare i conti con gli infortuni. De Angelis non è ancora disponibile, Scarcella nemmeno. Trabuio non è disponibile e anche Bonomi ha qualche problema, ma dovrebbe farcela. Per la panchina si attingera’, nella casella under, dalla juniores. Trenchev in pole.

Dopo una lunga e non facile riflessione Tomasoni ha scelto per Bottone e Mele al centro della difesa, mentre Mavilla sarà in regia con Provasio a sinistra e davanti Myrteza giocherà col confermatissimo Grasso e l’intoccabile Romano.
‘Ci ho pensato una notte intera – confessa il mister – ho scelto Bottone, ma chi andrà in panchina non deve sentirsi minimamente escluso. Tutto è possibile da qui in poi. Il Lazzate sul suo campo è un avversario difficile, ma daremo il massimo’.

Ac Legnano e Academy Legnano Calcio, i due presidenti tirano le somme

Ac Legnano e Academy Calcio Legnano: non solo l’unione fa la forza, ma due anime diventano una sola.
Il presidente Giovanni Munafò e il massimo dirigente di Academy, Alfonso Costantino, tracciano un primo bilancio della sfida lilla mirata al grande rilancio del vivaio.
“Non abbiamo dubbi – affermano entrambi -Siamo convinti di aver fatto la scelta giusta. Dall’unione è derivata una crescita notevole a livello sportivo, organizzativo e d’immagine”.
E’ stata anche consolidata l’amicizia personale tra Munafò e Costantino, rafforzata dal lavoro spalla a spalla pressoché quotidiano. Entrambi sono d’accordo che l’obbiettivo è quello di continuare a crescere: si punta in alto con la prima squadra e la Juniores regionale, mentre l’Academy ha il compito di forgiare i nuovi talenti per le due categorie superiori.
“Abbiamo rispettato tutti gli impegni presi – spiegano i due presidenti – Ora si guarda al futuro con positività, molti ragazzi che gli anni scorsi avevano lasciato la società per malcontenti vari ora stanno chiedendo di rientrare a far parte della nostra storica Legnano; lo stesso vale per molti altri che militano altrove”.
“E’ molto positivo – rimarca Costantino – che il presidente Munafò metta sempre a disposizione del settore giovanile lo stadio Mari, per partite o manifestazioni, e che all’interno dello stesso si svolgano le sedute di allenamento di diverse categorie giovanili. Quest’anno era l’anno zero e si sono poste le fondamenta per costruire finalmente una grande Società, basata su una profonda passione e gestita con professionalità, rispetto e serietà, in grado di trasmettere sani valori e principi forti con lo scopo di far crescere i nostri ragazzi e di accompagnarli fino al loro massimo obbiettivo sportivo e umano”.

E’ scomparso Giancarlo Cozzi: il Legnano è vicino alla famiglia

Lutto nel mondo lilla. Si è spento oggi Giancarlo Cozzi, padre di Davide, super tifoso del Legnano, e di Cristiano, ex direttore sportivo lilla che ha avuto un ruolo importante nella rinascita della società. La dirigenza, con il presidente Giovanni Munafò, lo staff tecnico e i giocatori del Legnano vogliono esprimere la loro vicinanza alla famiglia Cozzi per la scomparsa del loro caro.

fiocco

Ingresso gratuito per le donne

Un omaggio presidenziale al gentil sesso. Domenica prossima, in occasione dell’incontro Legnano-Gaggiano, le donne potranno entrare gratuitamente allo stadio Mari. Un’apertura ulteriore alle famiglie e una promozione per portare sempre più pubblico sugli spalti, in un momento cruciale per i colori lilla. La partita inizierà alle 14.30.

Paolo Tommasoni

Rovellini esonerato: torna Tomasoni, resta Panigada

Esonerato mister Rovellini, arriva Paolo Tomasoni. La dirigenza lilla, riunitasi oggi in sede per analizzare le contromisure da adottare dopo la brutta sconfitta di Sesto, ha preso la dolorosa decisione di interrompere il rapporto con il tecnico.
Al suo posto ritorna l’allenatore della miracolosa rimonta salvezza dell’anno scorso in serie D, fermatasi solo ai play out contro la Bustese. Tomasoni dirigerà domani pomeriggio il suo primo allenamento.


Era molto delicata anche la questione Panigada: l’attaccante lilla, conscio delle ultime deludenti prestazioni, si è spontaneamente dimezzato il rimborso, ma continuerà a essere un giocatore lilla nella speranza di rivederlo all’altezza delle sue possibilità.

 

 

Mi spiace moltissimo per Rovellini ‘- afferma il presidente Munafò – ‘Lo ringraziamo di cuore per quanto fatto’. Purtroppo questo è il calcio. Ci auguriamo che resti un grande cuore lilla come è sempre stato. Adesso spero che nessuno mi paragoni a Zamparini: non lo sono affatto, ma per il bene del Legnano sono pronto a fare questo e altro’.

Vittorio Pino

Condoglianze per la scomparsa di Vittorio Pino

L’ AC Legnano desidera esprimere il proprio cordoglio per la scomparsa di Vittorio Pino e la propria vicinanza alla sua famiglia.
Ci ha lasciato un vero sportivo, un Presidente che ha dato tutto per lo sport che amava e che si è speso più vote in prima persona per promuovere la cultura sportiva nella nostra città, dalle scuole al campo di Softball. Con ammirazione ricordiamo il suo impegno sociale e sportivo, sempre pronto a portare in alto il nome di Legnano in giro per l’Italia.
Grazie Vittorio.

Festa natalizia lilla

Il giorno 15 dicembre alle ore 20.30, presso l’auditorium di Cerro Maggiore si svolgerà la festa natalizia dell’AC Legnano!

Saranno presenti tutte le formazioni lilla, dai primi calci alla prima squadra; l’ingresso è libero e aperto a tutti i tifosi.

Vi aspettiamo numerosi per scambiarci gli auguri per un sereno Natale.

Niente da fare, ricorso respinto

Il punto di penalizzazione al Legnano purtroppo resta. La procura federale ha respinto il ricorso della società lilla. Settimana scorsa il presidente Munafo’ e l’avvocato Nucera si erano recati a Roma per l’udienza. Il verdetto, emesso in data odierna, è stato negativo per il Legnano. La motivazione è, in pratica, che aver assolto alle pendenze lasciate dalle precedenti gestioni dimostrerebbe la continuità societaria tra la gestione munafo’ e quelle passare. Esattamente il contrario di quanto invece il presidente voleva dimostrare. Munafo’ commenta così la vicenda: ‘Accettiamo il verdetto, ma con molta perplessità. Restano anche forti dubbi in merito a casi analoghi, in cui l’esito è stato l’opposto’.