Romano micidiale, il Legnano torna a volare

LEGNANO-ALCIONE 2-0 (0-0)

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

LEGNANO: Anedda, Ortolani, Azzolin, Bottone (37′ st Mavilla), Bianchi, Mele, Trabuio (9′ st Bonomi), Provasio (46′ st Marcolini), Panigada (20′ st Crea), Myrteza, Romano (37′ st Grasso). All. Rovellini.

ALCIONE: Angeleri, Marinoni, De Simeis, Mangiarotti (43′ st Figoli), Orlandi, Campolongo, Pelli (25′ st Biagini), Coppini, Senesi (33′ st Oliveto), Pellegatta, Italia. All. Pizzi.

RETI: 1′ st e 35′ st Romano.

L’Alcione si conferma la medicina giusta per il Legnano. All’andata fu un 3-0 scintillante in un momento non facile, ieri al Mari, dopo due deludenti pareggi, i lilla hanno sfoderato le qualità che tutti si aspettano. Il 2-0 finale, firmato da una doppietta di Alex Romano, poteva trasformarsi in goleada senza le parate dell’ottimo Angeleri e qualche imprecisione degli avanti lilla.
Rovellini ha dovuto fare i conti con i malanni di stagione e soprattutto con l’assenza improvvisa di De Angelis, che pareva pienamente recuperato (tornerà domenica a Sesto). Come 99 è stato schierato un Myrteza instancabile e convincente. La novità è stata la scelta di Bottone in regia al posto di Mavilla. L’ex Varese ha sfoderato una prestazione degna del suo prestigioso curriculum. Impeccabile anche la prestazione della coppia centrale difensiva Mele-Bianchi. Davanti, un Panigada versione assist man e un Romano micidiale hanno fatto la differenza. Perfetta anche la prestazione di capitan Provasio. Va detto che, a differenza dell’andata, l’Alcione si è proposto in avanti in almeno tre occasioni, consentendo ad Anedda, solitamente poco impegnato, di mettere in mostra le sue doti.
Indiscutibile la vittoria lilla, ma comunque sofferta, perché il primo tempo si è chiuso sullo 0-0, nonostante ottime occasioni: Provasio al 14′ ci ha provato con uno shoot dal limite, chiamando Angeleri al volo plastico. Splendido il controllo di petto con tiro al volo di Myrteza a fil di palo, al 28′. Panigada si è visto parare una conclusione volante al 34′. Per Romano, con un fuorigioco fischiato solo dopo, l’occasionissima al 39′, troppo morbida e deviata da Angeleri. L’Alcione ci ha provato con un paio di conclusioni basse parate da Anedda senza difficoltà.
La ripresa è cominciata con la grande liberazione: un meraviglioso assist di Panigada ha lanciato a rete Romano, che ha infilato Angeleri in uscita. Al 6′ Trabuio ha chiamato a un nuovo volo il portiere ospite. Myrteza ha sfiorato il palo di testa all’8′. Pericolosissime le occasioni dell’Alcione al 12′ e al 14′: prima una parata di Anedda su bellissimo tiro a giro di Italia, poi il portiere lilla si è ripetuto respingendo in volo una fucilata di Pelli. Sulla ribattuta De Simeis ha sfiorato la traversa.
il brivido ha scosso il legnano che è tornato a macinare gioco e occasioni: Angeleri ha neutralizzato una conclusione di Romano prima di veder sfilare a fil di palo una nuova inzuccata di Myrteza. Quindi il gol della sicurezza: Angeleri ha respinto un tiro ravvicinato di Myrteza e Romano ha insaccato con un tap-in facile. Il Mari è esploso. Prima della fine, Crea e Grasso hanno sfiorato il tris.
Una vittoria netta e convincente, che consente di guadagnare due punti su Verbano e Busto 81, grazie al pareggio nello scontro diretto. Ora la sfida più importante: la continuità.