Tag: mercato

Nuova bomba del Legnano: ha firmato Alex Romano

Un’altra bomba di mercato per il Legnano. L’ultima, fragorosa come le altre, a completare una sontuosa campagna acquisti di dicembre. Oggi è arrivata la firma di Alex Romano, ex Bustese e Oltrepò, punta centrale dai numeri impressionanti: impossibile dimenticare i 28 gol con in Eccellenza nella stagione 2014-2015, seguiti dai 14 in serie D, sempre coi colori granata, prima del trasferimento all’Oltrepò, nella natìa Voghera. Romano è tecnico, potente, veloce e vede la porta come pochi altri. E ha fame. Una caratteristica assai importante per il presidente Giovanni Munafò.
Come Bottone e prima di lui Bianchi e Grasso, sarà subito disponibile. Se un messaggio doveva partire da via Palermo sulle intenzioni della società, è partito forte e chiaro. Ora starà a mister Rovellini e alla squadra trasformare tanto ben di Dio in punti. Cosa non sempre automatica nel calcio.

Capolavoro di mercato: ha firmato Davide Bottone

Colpo grosso del Legnano. Questa mattina, nella sede di via Palermo, Davide Bottone ha firmato il contratto che lo lega alla società lilla. Centrocampista decisamente fuori categoria, vanta 9 presenze in serie A con il Torino (stagione 2007-2008), 69 in B, un’infinità in C, uno scudetto e una coppa di Romania vinti con il Cluj, tre anni a Frosinone, poi Torres, Varese e, in questo inizio di campionato, Nuorese. Oltre ad aver giocato in tutte le nazionali giovanili, compresa l’Under 21 di Casiraghi.
Bottone ha 30 anni, è quindi nel pieno della maturità agonistica, e sarà una pedina fondamentale per l’ulteriore salto di qualità del Legnano, necessario per recuperare i punti di ritardo sulle prime due in classifica (domani per noi sarà riposo) e puntare alla vittoria in campionato.
Un pezzo da Novanta, che rende la rosa lilla ancora più competitiva e forte. Bottone è pronto per il debutto nel delicatissimo big match contro il Busto 81, domenica 17 dicembre al Mari.

Il mercato parte con due botti: Bianchi e Grasso!

Arrivano i rinforzi! Il primo giorno di mercato del Legnano è atomico. Oggi nella sede di via Palermo sono stati coronati due acquisti di eccezionale rilievo: torna a casa, dopo quasi due anni ad Arconate, Marco Bianchi. Il fortissimo centrale sanvittorese, amato dai tifosi per il suo attaccamento alla causa lilla, era commosso al momento della firma (nella foto). Il coronamento di un sogno. La batteria dei centrali difensivi così si rafforza in modo decisivo: con Scarcella, Mele e “Robocop” Bianchi mister Rovellini èpuò dormire sonni molto più tranquilli.
L’altro grande acquisto, attesissimo alla prova del campo dopo i numeri stratosferici fatti registrare nel Ferrera Erbognone, squadra della Promozione Pavese, è l’attaccante Domenico Grasso: 16 gol in 12 partite, una mitraglia. L’anno scorso altri numeri da capogiro. Su di lui giura il presidente Giovanni Munafò, rimasto colpito dalla velocità e dalla tecnica di questa punta imprendibile. Una spalla ideale per Panigada, e assieme a Crea e Myrteza una Santabarbara da sogno.

Felipe lascia Legnano e un segno nei cuori lilla

Un addio che lascia tutti esterrefatti, ma che fa parte della natura del calcio. Felipe Ianni lascia il Legnano. Il centravanti, entrato nel cuore dei tifosi per le sue prestazioni e i gol a valanga segnati sia nella passata stagione in serie D che nell’attuale, ha deciso di accettare una proposta nella categoria superiore in Sicilia.
La società ha fatto di tutto per trattenerlo, ma Felipe ha confermato la sua decisione. Vista la squalifica in arrivo e l’apertura del mercato in dicembre, il presidente Munafò ha deciso di liberarlo subito in attesa di trovare un degno sostituto in tempi brevissimi. Si sta lavorando alacremente su una soluzione di alto livello.
A Felipe vanno i ringraziamenti, un saluto caloroso e i migliori auguri perchè ottenga, ovunque andrà, i successi che merita.

Arriva Anedda, nuovo guardiano per la porta lilla

Giornata di clamorose novità in casa lilla. La società ha acquistato il portiere Riccardo Anedda, classe 1993, un passato in serie A nel Cagliari e campionati in C con Poggibonsi e Lupa Roma. Anedda, svincolato, ha avuto la sua ultima esperienza nel Pontedera. Un numero uno di grande garanzia che va a rafforzare il reparto difensivo in modo deciso.

Francesco Cuscunà

Ibrahim e Visigalli, due nuovi giovani per il Legnano

Il ds Francesco Cuscunà (nella foto) ha messo a segno altri due colpi di mercato nella casella under. Dalla Pro Sesto è arrivato il centrocampista di origine egiziana Ahmed Mohamed Ibrahim, classe 98. Il suo ruolo naturale è mezzala ma può disimpegnarsi ottimamente anche in fase più offensiva. Il secondo acquisto, prezioso perché è un 99, è Alessandro Visigalli, portiere proveniente dalla Folgore Caratese.

Bomba di mercato: Myrteza è lilla

Il Legnano ha messo a segno oggi un colpo di mercato destinato a lasciare il segno.

Isuf Myrteza è un giocatore lilla al 100 per cento: la società ne ha infatti acquisito il cartellino. Proviene dalla Cremonese, nel cui vivaio è cresciuto. Un talento cristallino e una grande promessa che potrebbe sbocciare proprio sull’erba del Mari. Ma è anche già una realtà: Isuf è infatti nazionale albanese Under 19. La formazione allenata da Erjon Bogdani, calciatore che per anni ha calcato i campi della nostra serie A tra Siena, Livorno e Chievo, lo ha convocato per i prossimi campionati europei di categoria, assegnandogli la maglia più prestigiosa, la numero 10.

Isuf Myrteza è un esterno alto, ambidestro, che può giocare su entrambe le fasce. Ha già debuttato sabato scorso a Novara: le sue qualità hanno subito convinto mister Roberto Gatti e la dirigenza lilla. Tra i tanti vantaggi anche l’età: trattandosi di un under, oltre a poter fare la differenza con le sue giocate, avrà anche la possibilità di essere impiegato con regolarità, viste le stringenti norme sull’impego dei giovani. L’attacco del Legnano completa così la sua batteria di esterni con un giocatore che, per caratteristiche, è l’erede ideale di Giovanni Laraia. Esattamente ciò che serviva per rendere la prima linea lilla un reparto attrezzato per qualsiasi traguardo.

 

Un altro colpo: arriva Leotta

Ennesimo colpo di mercato per il Legnano.

Ieri sera è arrivata la firma di Edoardo Leotta, 20 anni, un giocatore versatile destinato a rivelarsi molto prezioso per mister Roberto Gatti. Nelle ultime tre stagioni ha militato in formazioni di rango: Monza (dove non esordì, ma era giovanissimo), poi Inveruno (dove invece giocò tutte e 34 le partite di campionato, mettendo anche a segno 5 reti) e infine Pro Sesto. Tra i biancazzurri l’allenatore Delpiano lo considerava un punto fermo: 28 le sue presenze nello scorso torneo.

Giocatore versatile, è reduce da una stagione giocata da terzino, ma può occupare qualsiasi posizione sulla fascia sinistra, la sua preferita, e destreggiarsi perfettamente anche da mezzala.

Ora, in attesa della presentazione ufficiale di domani, il ds Francesco Cuscunà è impegnato a ritmo serrato sugli underi: molti 98 e 99 nel mirino.

Preso Simone Crea: è ufficiale

Il direttore sportivo Francesco Cuscunà aveva promesso i nomi degli ultimi acquisti prima della presentazione della squadra, il 22 luglio al Mari.

Il primo nome è arrivato, ed era ampiamente annunciato: Simone Crea è un nuovo giocatore del Legnano. La trattativa era in dirittura d’arrivo già nei giorni scorsi. Oggi l’annuncio ufficiale. Crea (nella foto, dal sito del Sondrio Calcio), 24 anni compiuti a maggio, è un attaccante esterno destro, ma perfettamente a suo agio anche sulla fascia sinistra. Toccherà principalmente a lui rifornire dalle fasce Felipe e Panigada di cross e suggerimenti dalle fasce, ma anche contribuire con i suoi gol alla causa lilla. Tranne un anno trascorso in Eccellenza nel Sondrio, quando segnò la bellezza di 22 reti in una stagione, l’intera carriera di Crea si è svolta in Serie D. Bellinzago, Sondrio e Bustese le sue ultime squadre. Lo scorso campionato è giunto a Busto Garolfo nel girone di ritorno, collezionando dieci presenze ma senza trovare il gol.

Il mercato del Legnano non finisce qui. Molte novità sono attese soprattutto sul fronte under. Si preannuncia una settimana calda.

Francesco Cuscunà

Fissate le prime amichevoli

E’ stato fissato nei dettagli il calendario della preparazione del Legnano. E con esso le prime amichevoli che la rinnovatissima squadra lilla affronterà per avvicinarsi nel modo migliore al campionato, indipendentemente dalla categoria.

La prima amichevole con la guida di mister Roberto Gatti

si giocherà sabato 29 luglio, alle ore 17, al centro sportivo di Novarello contro la Primavera del Novara.

La seconda vedrà come avversario il Seregno (serie D) e verrà disputata sabato 5 agosto al centro sportivo Pino Cozzi, a Legnano, alle 17. Sullo stesso terreno, domenica 13 agosto, il Legnano affronterà l’Oleggio, formazione che milita nella Promozione piemontese. Anche in questo caso inizio alle 17.

Il test più probante sarà domenica 20 agosto a Inveruno, contro la quotata formazione locale reduce da un brillante campionato di serie D. L’orario di inizio è ancora da definire, così come l’avversario e la sede dell’ultima amichevole, della quale si conosce però la data: mercoledì 23 agosto.

Quanto agli allenamenti, seduta pomeridiana nella prima settimana, dalle 15.30 alle 17.30. Idem nella seconda, dopo l’amichevole di Novarello e la giornata di riposo concessa ai giocatori domenica 30 luglio. Da lunedì 7 agosto doppia seduta, il mattino dalle 9.30 alle 11 e il pomeriggio dalle 15.30 alle 17.30.

Mentre si avvicina l’inizio della stagione dell’ac Legnano,  sempre più intense sono le trattative per completare la rosa. Lo spiega il direttor sportivo Francesco Cuscunà: “Sono già 28 i giocatori che inizieranno la preparazione. Saranno aggregati e testai molti giovani di sicura prospettiva provenienti da squadre importanti italiane ed estere”. Quanto ai potenziali titolari, per completare il quadro va riempita al meglio la casella degli esterni d’attacco. In settimana verranno ufficializzati tutti i nomi: la trattativa è molto promettente per quanto riguarda Simone Crea, reduce da quattro stagioni in D tra Bellinzago, Sondrio e Bustese. Servono Under di grande prospettiva per chiudere un mercato di livello già eccezionale, specie se arriverà il ripescaggio in serie D.