Battuta d’arresto, il Legnano perde a Varese

VARESE-LEGNANO 3-1 (1-0)

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

 

VARESE: Siaulys, Petito (1’ st Nicastri), Quitadamo, Parpinel, Capelli, Beak (33’ st Polo), Mapelli, Scampini (14’ st Disabato), Aprile, Otelè (16’ st Balla), Minaj (44’ st Aiolfi). All. Rossi.

 

LEGNANO: Russo, Ortolani, De Stefano D., Di Lernia (40’ st Brusa), Nava, Luoni (26’ st Pellini), Beretta, Bingo, Cocuzza (33’ st Frau), Radaelli (1’ st Tunesi), Gasparri. All. Sgro.

 

RETI: 20’ pt Capelli, 2’ st Gasparri, 23’ st Capelli, 28’ st Disabato.

 

Una partita da dimenticare presto, anzi subito. Il Legnano perde meritatamente a Varese, regalando un tempo, il primo, agli avversari, ma subendo i gol nel momento migliore, quando la partita poteva svoltare. Il trend di questi due mesi, costellati di vittore e di buone prestazioni anche quando i risultati non sono arrivati, oggi ha avuto una battuta d’arresto.

Può capitare, anche se col Varese pesa di più per la rivalità storica e soprattutto per i 18 punti di differenza in classifica con cui le squadre si erano presentate in campo. Il calcio però toglie e dà: mercoledì si torna subito in campo al Mari contro la capolista. Quale occasione migliore per dimostrare che il vero Legnano è quello delle ultime partite e non quello di oggi?

Nei primi 45 minuti il Varese ha soffocato il gioco lilla con un pressing forsennato, che non poteva durare 90 minuti. E ha costruito occasioni, pur concludendo poco in porta, mentre i ragazzi non sono mai arrivati davvero a tirare. Russo ha dovuto subito sventare su Otelè lanciato a rete. Il gol è arrivato al 20’ per una disattenzione. Un fallo laterale si è trasformato in assist per Capelli che ha realizzato da posizione defilata ma a tu per tu con Russo.

Serviva un Legnano diverso per riprendere in mano la partita, e in avvio di ripresa questo è avvenuto. Dopo due minuti è arrivato fulmineo il pareggio, su mischia in seguito a un corner. E’ stato capitan Gasparri a trovare la zampata. Il Varese ha accusato il colpo, anche perché il Legnano ha mostrato davvero un piglio diverso.

E subito dopo Cocuzza in contropiede, ha avuto la palla d’oro per il vantaggio, ma ha sprecato a lato lo scavetto sull’uscita di Siaulys (nella foto di Sport Legnano). Lì la partita avrebbe vissuto una svolta, invece è successo il contrario. Al 23’ un perfetto lancio di Balla ha imbeccato Capelli che ha avuto un controllo da manuale, trasformando un pallone alto in orizzontale in un lancio verso la porta per se stesso. Il diagonale ha trafitto Russo. Poco dopo la mazzata, con un tiro dal limite di Disabato che ha azzeccato l’angolino.

Dopo tre clean sheet la difesa lilla subisce tre gol. Siamo convinti sia un episodio negativo che può capitare in un cammino di crescita che fin qui è stato evidente. Sta ai ragazzi dimostrarlo mercoledì, prima ancora con l’atteggiamento che col risultato.