Il Legnano vince ed emoziona, play off a un passo

LEGNANO-SANREMESE 3-1 (1-1)

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

LEGNANO: Russo, Barbui, Diana (35’ st′ Brusa), Di Lernia, Nava, Luoni, Beretta (4’ st Tunesi), Bingo (40′ st De Stefano), Braidich (32′ st Ortolani), Ronzoni (22′ st Cocuzza), Gasparri. All. Sgrò.

 

SANREMESE: Bohli, Ponzio (32’ st′ Danovaro), Bregliano, Mikhaylovskiy, Demonti, Lo Bosco (42′ pt Murgia), Gagliardi, Miccoli, Gemignani (47′ st Castaldo), Pellicanò (15′ st Managò), Convitto. All Andreoletti.

 

RETI: 24’ pt Demontis, 36’ pt Bingo, 27’ st Gasparri, 29’ st Braidich.

 

Splendore lilla. Il Legnano prende il destino nelle proprie mani facendo proprio lo spareggio contro la Sanremese. Vincendo l’ultima partita a Casale saremmo nei play off, un traguardo parso impossibile per mesi e ora divenuto quasi realtà. La vittoria contro i liguri, squadra costruita per vincere il campionato, ha contenuto tutto: qualità, gioco arioso e veloce, fasi di dominio e fasi di attesa e sofferenza, carattere e compattezza, spirito di gruppo e invenzioni delle individualità. Una vittoria strameritata che corona un girone di ritorno fantastico. E non è da tutti reagire allo svantaggio contro uno squadrone nel modo in cui lo hanno fatto i ragazzi.

La Sanremese ha schierato in porta un predestinato: Bohli, classe 2005. E’ rarissimo, se non unico, vedere tra i pali in serie D un ragazzo di 16 anni. E Bohli non è lì per caso: nei primi minuti ha subito mostrato le sue potenzialità con due paratone su Ronzoni e Beretta. Dalla nostra parte, però, tra i pali c’è un mostro: Russo. Al 13’ il suo primo miracolo su Lo Bosco, arrivato a tu per tu dopo aver saltato tre avversari. Un paio di incertezze su lanci lunghi ha messo gli attaccanti liguri in posizione ideale per il tiro. Così è successo al 24’ con Demontis lanciato da Gemignani. Il gol è stato in realtà una doccia fredda, perché il Legnano nel primo tempo è stato perfetto, e perché dopo quei due sprazzi la Sanremese, molto efficace nel palleggio, non è quasi più arrivata al tiro.

Il Legnano ha esaltato i tifosi per il carattere e le trame deliziose, che hanno trovato nella dirompente dinamicità di Ronzoni, nel genio di Bingo e nella qualità di Gasparri tre veri tenori. Fin troppe le azioni da descrivere. Ne bastino tre: il gol da cineteca di Bingo, replica ancora più bella di quello che segnò contro la Castellanzese, tre uomini saltati e bomba nel sette; il tiro a giro di Gasparri a fil di palo, a conclusione di un triangolo con tanto di scavetto. E il coast to coast di Nava, bravissimo a seminare mezza Sanremese ma meno a concludere.

Nella ripresa il caldo ha fatto sentire i suoi effetti, perchè il ritmo è sceso. I ragazzi hanno gestito la frazione con grande intelligenza, chiudendo gli spazi dietro con Nava e Luoni sontuosi e lanciando micidiali contropiedi. Al 65′ Di Lernia su punizione ha chiamato in causa Bohli. Il 2-1 è arrivato al 72′ con Tunesi che ha recuperato palla in mezzo al campo e ha lanciato Gasparri, pronto a battere a rete sotto la traversa. Nemmeno due minuti dopo Braidich l’ha chiusa con un tiro dal limite che si è infilato alla destra di Bohli.

Una giornata gratificante vissuta con l’abbraccio del pubblico. Nei play off il Legnano giocherebbe sempre in trasferta, ma a preoccuparsi devono essere solo gli avversari, perché in questo momento non siamo solo la squadra più in forma, ma anche la più carica, la più motivata e, punti del ritorno alla mano, la più forte.