Il Legnano vince per la terza volta e saluta il Mari

LEGNANO – RHODENSE 2-0 (1-0)

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

LEGNANO (4-3-3) Tamma (1’st Russo), Bertonelli (22’st Todaj), Bini (16’st Robbiati), Bettoni, De Stefano (1’st Barbui), Di Lernia, Confalonieri (12’st Bertoli), Ronzoni (12’st Beretta), Barazzetta (1’st Bingo), Ravasi (16’st Grosso), Gasparri (12’st Gambino). All. Sgrò.

RETI: 40’ pt Gasparri, 35’ st Bingo.

 

Una vittoria per salutare il Mari, che per parecchie settimane non sarà disponibile per le partite interne. Il Legnano ha battuto la Rhodense con il classico due a zero, un gol per tempo dei soliti noti, Gasparri e Bingo. Mister Sgrò ha schierato nel primo tempo i veterani e nel secondo tempo i giovani, come nelle precedenti uscite. E’ uscito il terzo successo, che nulla conta ma dà fiducia, contro squadre di Eccellenza, in attesa dei due appuntamenti con Arconatese (5 settembre) e Casatese (11 settembre).

Da sottolineare l’impiego nel primo tempo di Barazzetta, under che sta facendo davvero bene. Non sono state molte le occasioni, ma la squadra ha avuto un passo migliore rispetto alla prima frazione di mercoledì scorso. Proprio Bettoni e Barazzetta sono andati vicini al vantaggio, e due gol sono stati annullati per fuorigioco a Ravasi e allo stesso Barazzetta. Capitan Gasparri ha sancito il vantaggio con una fucilata da centro area sul cross da sinistra di Ronzoni.

“ Veniamo da due settimane di doppi allenamenti molto intensi – ha commentato Sgrò – è normale che manchi qualcosa ma penso che abbiamo avuto una buona continuità nel mettere sotto pressione la loro difesa. Per ora più che il numero di gol fatti mi interessano i movimenti e l’attitudine dei giocatori”. Il secondo tempo, in mezzo al classico andirivieni agostano dalle panchine, ha visto sin da subito un Bingo pimpante e un gruppo che manovra bene senza rischiare nulla. Anzi, quasi nulla: si è rivisto anche Russo, capace di volare su una punizione ravvicinata di Di Noto con una parata che ha fatto tornare alla mente i suoi tanti miracoli della scorsa stagione. Un paio di minuti dopo Bingo ha chiuso la contesa in diagonale, insaccando di sinistro per il 2-0 che ha spento ogni ardore. Bene la difesa, anche se il lavoro è stato poco, ma per merito della coppia Bini-Bettoni e del vivace Robbiati. Nel secondo tempo è tornato anche Beretta. Tutte note positive che fanno ben sperare per l’avvio di stagione.