Pareggio deludente: il presidente Munafò striglia la squadra

LEGNANO-SESTESE 1-1 (1-0)

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

LEGNANO: Visigalli, Scarcella, Azzolin, Rovrena, Mele, Mavilla, Crea (9′ st Provasio), Ibrahim (29′ st Borghi), Felipe (1′ st Ortolani), Leotta (9′ st Trabuio), Panigada. All. Gatti.

SESTESE: Boari, Del Vitto (9′ st Romano), Lonardi, Lo Russo, Folcia, Mantegazza, Ventola (6′ st Roncari), Leontini (38′ st Boscolo), Fioroni, Blanda, Mehmetais. All. Consonni.

MARCATORI: 3′ pt Panigada su rigore, 23′ st Romano.

Inattesa frenata per il Legnano. Deludente soprattutto per il modo in cui è maturata. Si può pareggiare in mille modi e contro mille avversari, ma quello visto contro la Sestese, oltre a tradire la attese dei tifosi, ha mandato su tutte le furie il presidente Giovanni Munafò.
I concomitanti risultati negativi delle altre squadre da un parte fanno tirare un respiro di sollievo, ma dall’altra aumentano il rammarico. Con una vittoria sarebbe stato primato solitario. E i prodromi della vittoria c’erano tutti. L’avvio di partita aveva fatto pensare a una giornata tranquilla, a una vittoria facile e magari larga, come domenica scorsa contro l’Alcione. così non è stato.
Nei primi tre minuti il Legnano è sembrato il Real Madrid: al 2′ Scarcella ha sparato una bomba terrificante sotto la traversa. Sarebbe stato un eurogol, ma Boari ha deviato in volo il missile terra-aria del terzino lilla. Sul corner, proiezione in area di Mele, sotterrato da un avversario. Rigore netto, che Panigada ha trasformato spiazzando l’estremo ospite.
Invece di scatenarsi il Legnano si è spento, lasciando palla e campo agli avversari. Non ne è nato alcun pericolo, ma la Sestese si è mossa meglio in tutti i settori del campo. a parte un intervento sospetto su Panigada, nel primo tempo il tabellino è rimasto malinconicamente vuoto da entrambe le parti.
Nella ripresa il trend si è confermato. Pallino alla Sestese, poco pericolosa a parte un intervento difensivo svirgolato da Panigada che ah sfiorato l’autogol. Forse un segno del destino. Il pareggio è arrivato da una punizione, nemmeno calciata bene, su cui però Romano ha raccolto palla liberandosi e calciando un fendente angolatissimo dal limite, su cui l’incolpevole Visigalli, al debutto, nulla ha potuto. Gli sforzi finali dei lilla, tardivi, hanno partorito poco o nulla.
Raggiunto al telefono, il presidente Giovanni Munafò commenta così il risultato: “Da presidente della società non sono assolutamente soddisfatto della partita di oggi. Abbiamo compiuto sforzi importanti per accontentare tutte le richieste dei giocatori e abbiamo formato una rosa di spessore con elementi che fino all’anno scorso facevano tutti la serie D. Ora le chiacchiere stanno a zero e devono arrivare i risultati aspettati soprattutto contro squadre che hanno ambizioni ben diverse dalle nostre. A Besozzo, mercoledì, voglio vedere una reazione immediata per ripagare i nostri tifosi della partita di oggi. Spero che arrivi in maniera forte perchè alla fine per me contano i risultati e su 6 partite ufficiali 2 vinte e 4 pareggiate non sono proprio quello che mi aspettavo”.