Un gol per tempo nella prima uscita del Legnano

LEGNANO-FUGLOR VALDENGO 2-0 (1-0)

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

LEGNANO: Colnaghi, De Stefano F., De Stefano D., Di Lernia, Ambrosini, Luoni, Bingo, Damo, Cocuzza, Ronzoni, Gasparri. A disposizione: Piccirillo, Ortolani, Brusa, Buono, Diana, Pellini, Rossi, Todaj, Febbrasio, Bigotto, Sestito. All. Brando.

 

RETI: 23’ pt Cocuzza, 29’ st Febbrasio.

 

Primo test stagionale per il nuovo Legnano di mister Brando. Al Pino Cozzi i lilla hanno regolato la Fulgor Valdengo, Eccellenza piemontese, con un gol per tempo. Per le statistiche, il primo centro stagionale è stato messo a segno dal solito Cocuzza, il secondo dal neoacquisto Febbrasio. Ricky Sentenza ha schiacciato in rete di testa un perfetto cross di Gasparri. Febbrasio ha concluso con un tap-in sugli sviluppi di un angolo. Nulla si può chiedere e nulla si può dire di una squadra totalmente nuova, ferma da sei mesi e dopo due mesi di allenamento, ma azzardiamo qualche nota.

Brando ha schierato nel primo tempo quasi tutti i titolari: mancava Grandi, lasciato a riposo precauzionale dopo il pesante lavoro di carico della mattinata. Tifosi tranquilli, il bomber sta benissimo. Per lo stesso motivo mister Brando non ha voluto concedere più di un tempo a ogni giocatore. Si è vista nella ripresa la linea verde guidata dalla chioccia Ortolani e dal playmaker Pellini, e nel primo tempo un abbozzo del Legnano che potremo vedere al Mari: ambrosini e Luoni centrali, i fratelli de Stefano terzini, Di Lernia playmaker basso (non ci vuole un occhio di lince per capire perché il ds Cera l’ha voluto a Legnano), Damo e Ronzoni mezzali, anche se quest’ultimo ha spesso giostrato avanzato in posizione di trequartista, e davanti il tridente Gasparri-Cocuzza-Bingo.

Un dato interessante è che la difesa, che pure va rodata come è ovvio che sia, non ha concesso nemmeno un tiro agli avversari. Per vedere il vero Legnano serve ovviamente un po’ di tempo.