Categoria: news

Alberto Barazzetta, un 2002 scuola Inter per l’attacco

Un 2002 scuola Inter per rinforzare il reparto offensivo. Il nuovo arrivo in casa lilla è Alberto Barazzetta, esterno destro alto che dopo la lunga trafila in casacca nerazzurra ha giocato le ultime due stagioni nel Brescia, di cui l’ultima come titolare nella Primavera. Un altro tassello nel mosaico lilla che va sempre più definendosi. Benvenuto Alberto!

Colpo grosso under: firma Robbiati, capitano del Monza

Una nuova entrata nel parco giovani del Legnano, ed è una di quelle su cui non si possono non nutrire grandi speranze. Ad aver firmato per i colori lilla è Andrea Robbiati, classe 2002, capitano della primavera del Monza. Fisico possente, 1,90 di altezza, ma giocatore di notevole eleganza, ha giocato per cinque anni nelle giovanili del Milan prima di disputare tre stagioni in Brianza, arrivando a sedere più volte sulla panchina della prima squadra a fianco di compagni come Mario Balotelli.

Robbiati nasce come centrocampista, ma quest’anno ha disputato l’intero campionato come difensore centrale. Può quindi essere il terzo in una difesa a tre, un titolare o un ricambio di lusso per far fiatare i compagni sia nel reparto arretrato che in mediana. Duttilità e qualità, un abbinamento che mister Sgrò apprezza moltissimo.

Presentazione dello staff lilla: quante novità per squadra e tifosi

Riapertura dei popolari, 15 nuovi sponsor, una campagna acquisti che fa felice mister Sgrò. Sono alcuni degli importanti spunti emersi dalla conferenza stampa di presentazione del nuovo staff tecnico e dirigenziale del nuovo Legnano.

Il presidente Giovanni Munafò ha voluto aprirla ringraziando gli abbonati dello scorso anno, che non hanno potuto godersi le partite al Mari per via delle restrizioni Covid: “Hanno pagato la tessera e visto solo cinque partite. Nessuno di loro ha chiesto un rimborso. Questo amore per la maglia non lo dimenticheremo. L’unico rammarico è che dovrebbero esser molti di più: con 200 abbonati e 400 spettatori la categoria giusta per il Legnano purtroppo è la D. Solo con più partecipazione potremo ambire a traguardi più consoni alla nostra storia. Ma abbiamo un bilancio sano e senza debiti, questo è più importante di qualsiasi risultato sportivo, specie in un panorama sofferente come quello del calcio italiano. Ringrazio tutti i miei collaboratori perché spesso un presidente ha bisogno di un conforto, di amici, di un consiglio. E in loro l’ho sempre trovato”.

Venendo agli aspetti tecnici, il presidente ha rimarcato: “Vito Cera merita un grande plauso. Ha sfiorato i play off con un budget normale. Nel girone di ritorno abbiamo fatto più punti di tutti. Ripartiamo con l’ossatura della squadra dello scorso anno e soprattutto con mister Sgrò che ha trasmesso la sua tranquillità alla squadra portandola a questi risultati”.

Il nuovo ingresso è quello di Nazareno Tiburzi nella carica di vicepresidente, nella quale affiancherà Alberto Tomasich. Il commercialista legnanese ha sottolineato la sua fiducia ed esperienza: “Sono onorato di questa carica. Non sono più un ragazzino e se faccio una cosa la faccio sul serio. Sono sicuro di poter fare qualcosa di buono per i colori lilla”.

Tomasich ha annunciato le importanti novità su stadio e abbonamenti: “Abbiamo 15 nuovi sponsor, quasi tutti di Legnano. La città si sta accorgendo che stiamo lavorando bene e si sta riavvicinando. Speriamo facciano altrettanto i tifosi, perché il Mari è una forza in più. Gli abbonamenti saranno divisi in cinque categorie: tribuna rossa a 350 euro, blu a 200, laterale a 150, laterale per over 70 a 100 euro e infine curva e popolari a 80 euro. Sì, riapriremo i popolari, i nostri tifosi amano la tribuna scoperta e vogliamo che siano liberi di andare dove vogliono. Stiamo anche lavorando a una card per tifosi lilla in modo che abbiano agevolazioni con i nostri sponsor”.

Il presidente onorario Diego Munafò ha ricordato che “il Mari, per via del Palio, sarà inutilizzabile fino al 31 ottobre. Spero che per quella data sia in condizioni accettabili”. Il Legnano giocherà le partite casalinghe a Caronno Pertusella.

Il ds Cera ha fatto il punto sulla campagna acquisti: “La società non mi ha mai chiesto di costruire una squadra per vincere il campionato, ma di formare rosa per soffrire il meno possibile e, tentando invece l’impossibile, per migliorare la classifica dello scorso anno. Manca qualche giovane. La vera sfida è sui 2003. Da qui all’inizio del campionato si apriranno sicuramente nuove occasioni con i club professionistici”.

Mister Sgrò ha pronunciato parole veramente importanti e iniziato con una battuta ironica: “Sono un po’preoccupato. Sapete perché? Perché è la prima volta nella mia carriera che comincio la stagione venendo accontentato in tutto e per tutto. Ho chiesto dei giocatori e me li hanno presi tutti, ora non vedo l’ora di cominciare”.

Il Legnano si radunerà il 5 agosto e fino al 30 si allenerà al Mari.

C’è stato quindi spazio per la Juniores, con Aldo Capocci e con il nuovo mister Gabriele Bortolato.

Il Legnano si assicura il talento Nicolò Gambino

Colpo lilla sul mercato under. Il Legnano si è assicurato le prestazioni di Nicolò Gambino, classe 2002, scuola Torino, al suo terzo anno in D.

Mancino, altro 1.87, aveva giocato due anni fa da titolare nel Verbania, quindi con grande precocità, assieme al nostro portierone Giovanni Russo. Era stato notato e acquistato dal Monza in serie B, dove ovviamente ha lavorato a fianco di fior di campioni e non è stato facile farsi strada. Per giocare stabilmente nel gennaio scorso ha scelto di tornare al Pont Donnaz, dove è stato titolare nella mediana della squadra rivelazione del torneo. “Lo ritengo un acquisto di notevole importanza – commenta il ds Cera – perché è un giocatore estremamente duttile che può ricoprire tutti i ruoli del centrocampo e dell’attacco”. Benvenuto Nicolò!

Un playmaker under dal Gozzano: ecco Edoardo Confalonieri

Il Legnano ha acquistato un giovane di notevoli prospettive in un ruolo molto delicato, quello del playmaker di centrocampo. Si tratta di Edoardo Confalonieri, classe 2001, cresciuto nelle giovanili dell’Inter e approdato al Renate in C. Nella compagine brianzola ha giocato fino allo scorso gennaio, quando è stato ceduto in prestito al Gozzano, squadra vincitrice del campionato, dove ha giocato da titolare collezionando nel girone di ritorno 15 presenze e segnando un gol. Benvenuto Edoardo!

Acquistato il secondo centrale: è Francesco Bini

Un centrale di grande esperienza ha deciso di vestire la maglia lilla. Il ds vito Cera annuncia l’acquisto di Francesco Bini, classe 1989, 1.92 di altezza, l’anno scorso titolare della Folgore Caratese, l’anno precedente alla Vigor Carpaneto e ancora prima a Gozzano. La carriera di Bini si è svolta per molti anni nel professionismo, soprattutto a Piacenza ma anche a Mantova, Treviso e Reggio Emilia. Destro di piede, potente fisicamente, andrà a comporre con Samuele Bettoni (mancino) una coppia di centrali di sicuro affidamento e complementare nelle caratteristiche.

Ecco il primo centrale di esperienza: è Samuele Bettoni

Il Legnano comincia a ricostruire il settore centrale della difesa. Dopo gli addii di Nava e Luoni servono due centrali di assoluta garanzia ed esperienza e il primo è già arrivato: ieri ha firmato Samuele Bettoni, classe 1989, 1,88 di altezza. Mancino naturale, Bettoni è un difensore completo ed eclettico: forte di testa, è abile anche nell’impostare il gioco. Oltre a giocare da centrale, ruolo naturale che ricoprirà nel Legnano, può alla bisogna agire anche da laterale sinistro basso e mediano. Protagonista da titolare della vittoria in campionato della Pro Sesto nel 2019-20, è cresciuto nel vivaio della Fiorentina, nella quale ha indossato la fascia di capitano della formazione Primavera. Nello scorso campionato ha militato nel Casale, con 24 presenze e 2 gol.

I vertici lilla si presentano alla stampa

Comincia ufficialmente la stagione 2021-2022. Giovedì 22 luglio, alle ore 19, allo stadio Mari ci sarà la presentazione alla stampa dei nuovi vertici societari e tecnici del Legnano. Un vero e proprio vernissage lilla per iniziare l’avventura che si spera, quest’anno, libera dai condizionamenti del Covid. Il viaggio comincia.