Categoria: Juniores

Contro il Seregno il Legnano perde con l’onore delle armi

LEGNANO – SEREGNO   0-2    (0-1)

 

LEGNANO: Colombo, Chiarello, Bagnasco (43’ st Pilo), Bellagente (43’ st De Angelis), Bertin, Colombini, Graci (40’ st Di Genio), Todaj (26’ st Zana), Virzì (1’ st Gioia), Costa, Bzhetaj (1’ st Ferrari). All. Apollo.

 

RETI: 31’ pt (0-1), 38’ st (0-2).

 

Un Legnano gagliardo ha impegnato seriamente la squadra più forte del girone. Al Mari contro il Seregno, formazione favorita per la vittoria finale, i ragazzi di mister Apollo non hanno affatto demeritato. Per buoni tratti hanno anche costretto gli ospiti sulla difensiva, anche se va ammesso che lo spessore tecnico e atletico dei brianzoli è veramente notevole.

Il rammarico è che si poteva portare a casa un prestigioso pareggio se non fosse stato per due leggerezze: un sombrero sulla tre quarti difensiva  che ha lanciato a rete gli avversari al 31’ del primo tempo, e un rinvio affrettato, con la squadra rovesciata nella metà campo del Seregno e analogo epilogo.

Il Legnano avrebbe potuto sfruttare meglio alcune occasioni, specie nella ripresa, con Gioia, Colombini e Ferrari, mentre il Seregno avrebbe potuto chiuderla prima con due ripartenze a inizio ripresa. A conti fatti il pareggio sarebbe andato leggermente stretto agli ospiti, ma con più attenzione si poteva portarlo a casa.

“Sono deluso dal risultato – ha commentato mister Apollo – ma contento dei ragazzi che stanno crescendo sotto tutti gli aspetti. Siamo riusciti ad attaccarli, anche se potevano fare meglio proprio in fase conclusiva. I ragazzi erano un po’ giù di morale ma li ho rincuorati dicendo che sono orgoglioso di loro”.

Una menzione particolare la merita Bellagente per la sua ottima prestazione da play: ha lottato fino alla fine nonostante un leggero infortunio, senza alcun timore reverenziale.

Parte la Juniores: debutto al Mari con la Castellanzese

Juniores ai blocchi di partenza. Sabato 10 ottobre parte la squadra di mister Apollo debutterà in campionato contro la Castellanzese. La partita è in programma alle 15.30 allo stadio Mari e si disputerà a porte aperte, sempre seguendo le norme antiCovid: è quindi obbligatorio prenotare via mail, compilare il modulo di autocertificazione allo stadio, indossare mascherina e mantenere il distanziamento. Il costo del biglietto è 5 euro per tutti i settori.

Mister Apollo confermato alla guida della Juniores

Un’altra importante conferma nello staff lilla: mister Salvatore Apollo guiderà la Juniores anche nel prossimo campionato. Una scelta di continuità che appare ancora più importante in una stagione in cui gli under saranno più che mai decisivi e la Juniores dovrà assicurare giovani di prospettiva alla prima squadra.

“Sono felicissimo di poter proseguire il lavoro con i ragazzi – commenta Apollo – La società è reduce da una stagione strepitosa con la formazione maggiore, che ha sfiorato la promozione in C e avrebbe lottato fino in fondo per ottenerla se non fosse arrivata l’emergenza Covid. L’organizzazione e gli obiettivi sono in continua crescita sotto la guida Munafò e questo è fondamentale per portare avanti il progetto con entusiasmo. Mi ha convinto la motivazione del presidente, che continua a fare sacrifici per portare in alto il Legnano. C’è l’ambizione di crescere a livello giovanile, di lavorare sui ragazzi: è una prospettiva molto bella. Inoltre, mi ha fatto enorme piacere ricevere i complimenti per il lavoro svolto lo scorso anno. Mi è stata anche assicurata la costruzione di una rosa di buon livello, quindi ci sono tutti i presupposti per una stagione avvincente”.

Apollo tiene molto alla sinergia tra gli staff tecnici lilla: “Non conosco ancora personalmente mister Brando e non vedo l’ora di conoscerlo. Voglio confrontarmi con lui perché ritengo fondamentale la collaborazione tra i mister di prima squadra e Juniores. Noi dobbiamo essere pronti a fornire ragazzi alla prima squadra e l’attenzione dei vertici per il nostro lavoro è il miglior viatico per farlo. Poi, nel post Covid, la stagione che ci aspetta sarà totalmente nuova per tutti. Personalmente non vedo l’ora di ripartire”.

La Juniores fa paura al fortissimo Chieri

LEGNANO-CHIERI 1-1 (0-1)

LEGNANO: Travaini, Chiodini (47’ st Giorgetti), Lazzati, Cozzi, Colombini (1’ st Roma), Strafezza, Kurpalaj (44’ st Merico), Cipullo, Frau, Virzì (15’ st Bzethaj), Nidhal. All. Apollo.

RETI: 46’ pt 0-1, 39’ st Frau.

Il Legnano si conferma l’osso duro delle grandi. Nessuna squadra di alta classifica riesce a battere i nostri ragazzi, ma resta sempre il rammarico di perdere un po’ di concentrazione e intensità con le piccole. E, con le grandi, di ricevere molti complimenti per le prestazioni ma non il meritato carico di punti.
Sabato, al campo di via della Pace, su un terreno in pessime condizioni, l’undici di Apollo ha portato a casa un punto con il fortissimo Chieri, terzo in classifica. Potevano essere tre, ma bene così. La partita si è svolta appena in tempo, prima che scattasse il blocco per il coronavirus.
Il Legnano ha giocato compatto tutti i 90 minuti. Nel primo tempo non ha concesso nulla, chiudendo gli spazi con un solido 4-4-2, commettendo solo l’errore difensivo nel recupero che è valso il gol del forte Varano (classe 95, fuori quota della prima squadra). Frau aveva colpito poco prima un palo.
Negli spogliatoi Apollo ha risollevato il morale dei ragazzi, basso per via dell’immeritato svantaggio. E la squadra è rientrata ancora più convinta, disputando un ottimo secondo tempo.
Oltre a una parata eccezionale del portiere del Chieri e a un paio di punizioni da posizione succulenta che potevano essere sfruttate meglio, il Legnano ha confezionato il meritatissimo pari al 39’ con un suggerimento di Cozzi per Frau, che ha saltato l’uomo e insaccato con freddezza. Il bomber si conferma l’uomo fondamentale della squadra.
La prossima partita salterà per il blocco delle attività sportive deciso dal Governo e dalle autorità federali. Ancora più restrittivo il provvedimento per i primi giorni di questa settimana: fino a mercoledì nessuna formazione né giovanile né maggiore potrà allenarsi. L’emergenza coronavirus si sta facendo pesantemente sentire anche sul calcio.

Il Legnano spreca l’impossibile: derby alla Castellanzese

CASTELLANZESE-LEGNANO  2-0   (1-0)

 

LEGNANO: Colombo, Roma, Lazzati, Colombini (20’ st Virzì), Merico, Strafezza, Kurpalaj, Cozzi, Frau, Bellagente (28’ st Bzethaj), Nidhal. All. Apollo.

 

RETI: 6’ pt 1-0, 40’ st 2-0.

 

Che rabbia. Il Legnano spreca 10 palle gol nitide e perde in modo incredibile il derby con la Castellanzese. Un due a zero che i padroni di casa non hanno certo rubato, sfruttando cinicamente le occasioni e le qualità tecniche dei loro attaccanti. Il Legnano deve invece recriminare per gli innumerevoli errori sotto porta (ne ricordiamo due di Bzethaj, due di Nidhal e ben tre, cosa insolita, di Frau a tu per tu col portiere) e anche per le ingenuità sui due gol subiti.

Sul primo, dopo solo sei minuti, un lancio dalla tre quarti ha pescato un attaccante in area. Sul suo ottimo controllo Merico ha fatto un passo indietro anziché in avanti, consentendo la conclusione vincente. Sul secondo, a fine partita, Strafezza si è aggrappato all’avversario che lo ha astutamente trascinato dentro l’area dove poi è caduto. Ne è uscito il rigore del due a zero.

Un rigore lo aveva avuto anche il Legnano, ma lo stesso Strafezza lo ha sbagliato. Per i ragazzi lilla i penalty sono una maledizione: in questa stagione, con vari tiratori, ne hanno sprecati cinque su cinque.

Ma non è su questi errori che mister Apollo si concentra, bensì sull’interpretazione della partita: “Abbiamo lavorato benissimo in settimana, ma il sabato questo lavoro non viene trasferito sul campo. Dobbiamo darci una scossa: se poi lasciamo sul campo dieci occasioni, di cui alcune più facili da segnare che da sbagliare, è impossibile far risultato. Oggi abbiamo giocato solo noi e abbiamo perso due a zero. Questo mi fa veramente arrabbiare. Sabato arriverà il Chieri e i ragazzi sano che cosa mi aspetto da loro”.

Pari importante con la doppietta del “dottor” Frau

MILANO CITY-LEGNANO 2-2  (1-1)

 

LEGNANO: Travaini, Chiodini, Merico, Bellagente, Strafezza, Riccelli, Nidhal (19’ st Roma), Cipullo (37’ st Kurpalaj), Frau, Bzethaj (37’ st Cozzi), Frattini (50’ st Colombini). All. Apollo.

 

RETI: 19’ pt 1-0, 25’ pt Frau, 28’ st Frau, 37’ st 2-2.

 

La Juniores pareggia una partita difficile e problematica, contro un avversario estremamente aggressivo, scaltro e veloce. All’andata finì 0-3, ma questa volta è andata in modo ben diverso e i ragazzi di mister Apollo avrebbero potuto anche far bottino pieno.

La nota più negativa dell’incontro è stata l’arbitraggio: non perché abbia aiutato l’una o l’altra squadra, ma perché si è distinto per una protervia a dir poco diseducativa verso 22 ragazzi che stavano sportivamente e correttamente giocando un incontro di calcio.

Il Milano City è partito forte, dominando per 20 minuti, coronati da un gol con una ripartenza in velocità.

Lo schiaffo, e non è la prima volta che accade, ha acceso la lampadina della reazione e i ragazzi hanno iniziato a giocare come sanno. Arrivando subito al pareggio con un tiro chirurgico di Frau da fuori area.

Nella ripresa il Legnano ha frenato la spinta avversaria ed è entrato con ottimo piglio. “Dottor Frau” ha colpito ancora al 25’, con una mezza rovesciata di sinistro che ha dato il vantaggio ai nostri.

Il pareggio del Milano City è arrivato da un punizione battuta in modo scaltro mentre Travaini stava ancora dando indicazioni alla barriera.

Il Legnano ha avuto l’occasione d’oro per vincerla attorno al 40’, quando l’arbitro ha fischiato un rigore per spinta su Bzethaj: lo specialista Cipullo ha cambiato modalità di tiro. Anziché l’interno destro a incrociare, suo tipico, ha aperto il piede battendo di piatto alla destra del portiere, che ha deviato.

“Sono soddisfatto della prestazione – ha commentato mister Apollo – Ci sono state indicazioni buone e cose da rivedere, ma non è affatto facile venire a capo di una squadra come il Milano City”.

 

Mari sempre off limits: il Verbania passa

LEGNANO-VERBANIA   1-2  (0-0)

 

LEGNANO: Travaini, Roma, Lazzati (15′ st Kurpalaj), Bellagente, Strafezza, Colombini, Frattini (7′ st Giorgetti), Cipullo, Bzethaj (15′ st Chiodini), Virzì (15′ st Frau), Cozzi. All. Apollo.

 

RETI: 11’ st 0-1, 21’ st 0-2, 32’ st Cipullo su rigore.

 

Juniores ancora vittima della maledizione del Mari. La squadra di mister Apollo perde di misura contro il Verbania tra le mura amiche, ma la sconfitta ha cause diverse dal malocchio: malanni di stagione, squalifiche e infortuni hanno decimato la squadra, e i ragazzi sembrano rilassarsi mentalmente dopo partite di alto livello come quella di sabato scorso.

La prestazione comunque non è stata disprezzabile: nel primo tempo il Legnano ha fatto qualcosa in più degli avversari, anche se la conclusione è stata una sola, di Bzethaj. Tiro potente con miracolo del portiere.

Nella ripresa, all’11’, una sfortunata scivolata di Lazzati ha lanciato un avversario verso l’area: scarico indietro e gol facile per la punta del Verbania. Apollo ha inserito Chiodini e Frau ed è passato al 3-5-2 per recuperare. Purtroppo un tiro dalla distanza, deviato e rimbalzato davanti a Travaini, ha ingannato il portiere lilla.

Il Legnano si è buttato in avanti più coi nervi che con le idee. Al 32’ bravo Kurpalaj a saltare secco l’avversario diretto con una finta e a causare il fallo da rigore, realizzato da Cipullo. Clamorosa l’occasione del pareggio allo scadere, un tiro di Cipullo a colpo sicuro salvato da un difensore sulla linea.

Apollo si è detto soddisfatto della prestazione dal punto di vista atletico: gli avversari sono usciti con i crampi. Purtroppo nello scontro fisico di forza brutta i ragazzi lilla hanno avuto la peggio contro i più corpulenti giocatori del Verbania. Ora il Legnano è atteso da un trittico durissimo: si comincia sabato contro il Milano City.

Una splendida Juniores fa tremare la capolista

FOSSANO-LEGNANO 1-1   (0-1)

 

LEGNANO: Travaini, Strafezza, Lazzati (31’ st Virzì), Chiodini, Merico, Riccelli, Roma (42’ st Bzethaj), Cipullo, Frau (47’ st Colombini), Bellagente, Cozzi (7’ st Kurpalaj). All. Apollo.

 

RETI: 32’ pt Cipullo, 13’ st 1-1.

 

Una splendida Juniores, forse la migliore della stagione, fa paura alla prima in classifica nella sua tana. I ragazzi di mister Apollo tornano da Fossano con un pareggio che va stretto, ottenuto contro una corazzata che ha già realizzato 66 reti e sta dominando il campionato.

Un primo tempo strepitoso ha portato al meritato vantaggio, ma il divario avrebbe potuto essere maggiore. Apollo ha disposto la squadra con un 4-1-4-1, cambiando le carte in tavola per non dare riferimenti conosciuti agli avversari, che infatti ci hanno capito poco. Lo schieramento intendeva togliere ossigeno e rifornimenti al superbomber Gaboardi, un ragazzo andato a segno ben 25 volte quest’anno. Toccava a Chiodini il compito di limitarlo, e Davide, dopo aver affrontato giovedì i Golia dell’Inter, non ha tradito le attese nemmeno contro il più forte giocatore del girone. Ma oggi sarebbe ingiusto sottolineare la prestazione di un singolo, perché è la squadra ad aver brillato, compatta, corta, veloce e concentrata.

Bellissimo il gol di Cipullo: servito da Cozzi, ha atteso la sovrapposizione di Lazzati ed è andato a raccoglierne il cross, insaccando.  Sulle fasce si sono viste ottime giocate e in mezzo il Legnano non ha concesso niente. Dagli esterni sono partite azioni pericolosissime che meritavano miglior epilogo: come nel caso del dialogo Cipullo-Roma, su cui quest’ultimo ha concluso di poco a lato un inserimento da manuale.

Nella ripresa si è vista la forte reazione dei padroni di casa, ma i ragazzi lilla non hanno perso la loro compattezza, nonostante un po’ di stanchezza. E sarebbe potuto arrivare il raddoppio quando Frau, dopo aver superato un difensore con un sombrero, ha colpito il palo interno. Un minuto dopo il Fossano si è visto assegnare un giusto rigore su una ripartenza, segnando il pareggio. La capolista è passata al 4-2-4 per vincerla, ma il Legnano ha difeso a denti stretti sfiorando nel finale il colpaccio con Colombini che, dribblati due uomini, ha subito un netto fallo da rigore non fischiato dall’arbitro.

“Nelle ultime dieci partite – ha commentato Apollo – abbiamo ottenuto nove risultati utili e sbagliato solo la partita di Ligorna. La squadra sta crescendo molto e oggi, contro un squadra fortissima, abbiamo dato davvero il meglio”.

Questo articolo è stato letto [post_views] volte

Legnano a tutta garra: battuto l’Inveruno

LEGNANO-INVERUNO 1-0 (1-0)

LEGNANO: Travaini, Chiodini, Merico (37’ st Bzethaj), Bellagente, Strafezza, Riccelli, Graci (41’ pt Roma), Cipullo, Frau, Virzì, Cozzi (23’ st Lazzati). All. Apollo.

RETE: 28’ pt Frau.

Pronta reazione della Juniores dopo la brutta trasferta di Ligorna. I ragazzi di Apollo hanno battuto l’Inveruno con un gol del solito Frau. Il risultato non rende giustizia: solo nel primo tempo si sono contate otto occasioni da gol, sprecate un po’ per imprecisione e un po’ per sfortuna, ma logico risultato di un dominio territoriale pressochè completo. Il gol è arrivato con una bella azione orchestrata da Graci (purtroppo uscito poco dopo per infortunio) con palla data in mezzo a Cipullo e poi a Cozzi che ha girato a Virzì, il quale ha controllato e concluso di sinistro: sul tiro, non bloccato dal portiere, si è avventato come un falco Frau che ha insaccato.
Sfortunato Cipullo, due volte pericolosamente al tiro, uno neutralizzato con una prodezza dall’estremo inverunese, l’altro sibilato a pochi centimetri dal sette.
Nella ripresa la partita ha cambiato caratteristiche: gli ospiti l’hanno messa sulla battaglia, chiamando i ragazzi lilla a una prova di carattere. Dopo una frazione condotta tecnicamente e tatticamente, il Legnano non è stato da meno quando si è trattato di lottare col coltello tra i denti.
Questa capacità di affrontare situazioni diverse e non farsi sopraffare dal nervosismo è la nota più positiva: la squadra cresce, peccato per lo scivolone bruttissimo di Ligorna, che ha interrotto una serie positiva che sarebbe stata notevolissima.
Sabato si va dalla capolista Fossano con l’obiettivo di uscire a testa alta. Una prova di maturità, che non riguarda il risultato ma l’atteggiamento.

Juniores in vacanza in Liguria, il Ligorna ne fa tre

LIGORNA-LEGNANO     3-1    (2-0)

 

LEGNANO: Colombo, Roma, Lazzati, Bellagente, Chiodini (38’ st De Paola), Colombini (1’ st Strafezza), Kurpalaj, Cipullo, Bzethaj (1’ st Cozzi), Virzì, Giorgetti (1’ st Merico). All. Apollo.

 

RETI: 2’ 1-0, 5’ 2-0, 9’ st Strafezza, 32’ st 3-1).

 

Brutto scivolone della Juniores. A Ligorna, contro una squadra battuta all’andata 6-0, i ragazzi di Apollo sono caduti nell’errore che il tecnico temeva di più: quello di sottovalutare gli avversari e sentirsi troppo sicuri dopo sette risultati utili consecutivi.

Approccio sbagliatissimo, dimostrato da un fatto eclatante: dopo 5 minuti il Legnano era già sotto 2-0 per due errori difensivi. E se il portiere Colombo non avesse parato un rigore e non si fosse opposto con bravura alle conclusioni avversarie, la squadra avrebbe potuto subire la stessa sorte toccata all’andata agli avversari.

Il primo gol è nato da una palla persa a metà campo da Kurpalaj: l’avversario ha vinto l’uno contro uno con Chiodini e ha insaccato. Tre minuti dopo altra palla velenosa persa questa colta da Bellagente, l’attaccante del Ligorna si è infilato tra i due centrali troppo distanti tra loro e ha raddoppiato. Almeno due parate decisive di Colombo hanno consentito al Legnano di non affondare.

Nell’intervallo Apollo ha deciso di cambiare modulo: dal 4-4-2 al 3-5-2, con tre sostituzioni simultanee a inizio frazione per cercare di cambiare le cose. Non è cambiato molto, anche se qualcosina in più si è visto. Dopo il rigore fallito dagli avversari è arrivato il 2-1 di Strafezza, pronto a ribadire sul secondo palo una palla arrivata dopo un batti e ribatti in area.

La mancanza di concentrazione si è vista proprio qui: sul 2-1 bisognava dare tutto, invece una nuova distrazione è costata il 3-1. Quattro uomini hanno chiuso su un attaccante lasciando completamente libero l’altro sulla lunetta. La conclusione da eurogol si è infilata nel sette.

All’82’ la seconda occasione per rimetterla in piedi, un rigore che avrebbe riaperto i giochi per un eventuale forcing finale. Purtroppo Virzì ha calciato malamente consentendo al portiere una facile parata.

Apollo è duro nel commento: “Gara bruttissima. Per tutta la settimana ho spiegato i rischi di questa partita. Quando si perde umiltà convinti di essere diventati forti si incorre in queste debacle. Purtroppo i ragazzi non hanno capito i valori della maglia che indossano. Storica, unica, bellissima”.