Foglio lascia il Legnano: grazie di tutto Capitano!

Il Capitano lascia il Legnano. Valerio Foglio nella prossima stagione non vestirà più la maglia lilla. Si dice che le bandiere nel calcio moderno non esistono più: non è vero, e Valerio ne è la dimostrazione. Lui, legnanese doc fino alla fibra più intima, ha i colori lilla nel cuore e nel sangue: non è attaccato alla maglia, lui è la maglia, con tutti i valori e la storia che rappresenta.

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

Questo non deve essere il giorno della malinconia, anche se è comprensibile sentirla intensamente, ma dev’essere il giorno della gratitudine: nella memoria di tutti è scolpita la sua prima stagione in lilla, 2007-2008, 29 presenze e 5 gol, tra cui quello al Bentegodi nella fantastica vittoria per 3-2 contro il Verona di Sarri, in un’annata in cui il Legnano avrebbe potuto tranquillamente lottare per la promozione in serie B. Poi una lunga carriera professionistica tra B e C, fino al ritorno nella sua Legnano nel 2018-2019, in Eccellenza. Una scelta di umiltà e attaccamento alla maglia lilla, scendendo di due categorie per aiutare la squadra a risalire ai livelli che le competono. Missione compiuta, nonostante l’imprevisto della sconfitta nello spareggio a Breno.

Ancora più sorprendente il campionato in D nella stagione poi troncata dal corona virus: secondo posto da matricola, con tutte le possibilità di lottare per il ritorno in C.

“Di fronte a tutto ciò che Valerio ha fatto per il Legnano nella sua carriera – è il messaggio del presidente Giovanni Munafò – il sentimento che va espresso è la gratitudine. Lo ringrazio a nome di tutta la società e facendomi portavoce di tutta la tifoseria, per questi anni di dedizione alla causa lilla coronati da risultati così importanti. E gli auguro il meglio, un in bocca al lupo dal profondo del cuore, per la sua carriera futura e la sua vita”.

Il saluto migliore, mai come in questa occasione, è il canto della Nord: “Uno di noi, Valerio uno di noi!”.