Il capolavoro finale del ds Cera: arriva Luoni, 116 partite in B

Capolavoro finale! Il ds Vito Cera chiude la costruzione della squadra con un botto fragoroso: Francesco Luoni è il nuovo difensore centrale del Legnano, pronto a ricomporre con Ambrosini la coppia di centrali che giocò in serie C con il Como.

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

Tra tutti gli acquisti lilla Luoni è quello che ha meno bisogno di presentazioni: 116 partite in serie B tra Albino Leffe e Varese, 19 in C1 e 47 in C2, una stagione incredibile in Eccellenza col Varese (27 vittorie e 3 pareggi) poi ancora D con Varese, Lecco, Fanfulla e Seregno. A 32 anni l’approdo a Legnano, per una stagione che promette tanto ai tifosi lilla.

“La famiglia Munafò è la garanzia di questa società e il motivo principale per cui ho scelto Legnano – sono state la prime parole di Luoni – E’ una famiglia della città, che vive la città, questo è molto importante. Gli altri motivi sono la piazza: pochissime altre sono paragonabili per tifo e calore. E ho già lavorato con il ds Vito Cera trovandomi benissimo”.

Come detto, si ricomporrà la coppia che sei anni fa disputò il campionato di C sulle sponde del Lario: “Cesare è un amico, oltre che un grande giocatore. In questi anni pur non giocando assieme non ci siamo persi di vista, sono molto felice di tornare a giocare con lui”.

Mister Lucio Brando proporrà la difesa a 4, una scelta che trova Luoni prontissimo: “Ho giocato in tutti i ruoli della difesa sia a 3 che a 4, quindi sono prontissimo. Mister Brando l’ho avuto come avversario quando allenava il Fiorenzuola. Mi impressionò la qualità di calcio che la squadra esprimeva e le idee. Il direttore ha costruito un’ottima squadra con una grande allenatore, ora toccherà a noi dimostrare sul campo il nostro valore”.