Il Legnano spreca l’impossibile: derby alla Castellanzese

CASTELLANZESE-LEGNANO  2-0   (1-0)

 

LEGNANO: Colombo, Roma, Lazzati, Colombini (20’ st Virzì), Merico, Strafezza, Kurpalaj, Cozzi, Frau, Bellagente (28’ st Bzethaj), Nidhal. All. Apollo.

 

RETI: 6’ pt 1-0, 40’ st 2-0.

 

Che rabbia. Il Legnano spreca 10 palle gol nitide e perde in modo incredibile il derby con la Castellanzese. Un due a zero che i padroni di casa non hanno certo rubato, sfruttando cinicamente le occasioni e le qualità tecniche dei loro attaccanti. Il Legnano deve invece recriminare per gli innumerevoli errori sotto porta (ne ricordiamo due di Bzethaj, due di Nidhal e ben tre, cosa insolita, di Frau a tu per tu col portiere) e anche per le ingenuità sui due gol subiti.

Sul primo, dopo solo sei minuti, un lancio dalla tre quarti ha pescato un attaccante in area. Sul suo ottimo controllo Merico ha fatto un passo indietro anziché in avanti, consentendo la conclusione vincente. Sul secondo, a fine partita, Strafezza si è aggrappato all’avversario che lo ha astutamente trascinato dentro l’area dove poi è caduto. Ne è uscito il rigore del due a zero.

Un rigore lo aveva avuto anche il Legnano, ma lo stesso Strafezza lo ha sbagliato. Per i ragazzi lilla i penalty sono una maledizione: in questa stagione, con vari tiratori, ne hanno sprecati cinque su cinque.

Ma non è su questi errori che mister Apollo si concentra, bensì sull’interpretazione della partita: “Abbiamo lavorato benissimo in settimana, ma il sabato questo lavoro non viene trasferito sul campo. Dobbiamo darci una scossa: se poi lasciamo sul campo dieci occasioni, di cui alcune più facili da segnare che da sbagliare, è impossibile far risultato. Oggi abbiamo giocato solo noi e abbiamo perso due a zero. Questo mi fa veramente arrabbiare. Sabato arriverà il Chieri e i ragazzi sano che cosa mi aspetto da loro”.