Juniores che peccato: sconfitta immeritata con la Castellanzese

LEGNANO-CASTELLANZESE  1-2  (0-0)

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

 

LEGNANO: Travaini, Chiarello, Bagnasco, Graci (36’ st De Angelis), Bertin, Chiodini (47’ st Shtyllaj), Ferrari, Di Genio (11’ st Focone), Bzhetas, Costa (16’ st Zeru), Recchia (25’ st Gioia). All. Apollo.

 

RETI: 28’ st Zeru, 30’ (1-1), 32’ (1-2).

 

Peccato. La Juniores parte con una sconfitta immeritata contro una Castellanzese grintosa e agonisticamente molto motivata. E proprio il peso fisico da una parte e qualche errore di inesperienza dall’altra hanno fatto pendere la bilancia in favore degli ospiti.

A cercare di costruire calcio, però, è stato di più il Legnano. Il leggero predominio lilla nel primo tempo non ha fruttato particolari occasioni.

Meglio la ripresa, nella quale il Legnano ha creato almeno 5 palle gol nitide. Logica conseguenza del gioco espresso è stato il vantaggio al 28’, con Zeru pronto a mettere in rete sulla ribattuta del portiere in seguito a una bella iniziativa di Gioia.

Poi qualche minuto di black out fatale, costato due gol in 120 secondi. Prima una palla morta a metà campo su cui i ragazzi lilla non hanno chiuso lasciando il tempo all’avversario neroverde di tirare dalla distanza con Travaini che era giustamente fuori dai pali per cercare di chiudere. Poi una diagonale difensiva sbagliata dopo una palla persa per la determinazione della Castellanzese, che ha consentito ai giocatori neroverdi di chiudere in gol.

Il Legnano ha ripreso le redini dell’incontro cercando il pareggio con buoni fraseggi: Gioia si è visto negare due volte il gol dal portiere avversario.

Il pareggio sarebbe stato sacrosanto, ma la sconfitta deve e può insegnare molto: la concentrazione non deve calare, bisogna essere più cattivi agonisticamente e fare tesoro degli errori. Il campionato è solo all’inizio e i ragazzi sono piaciuti: può essere il miglior viatico per crescere.