Juniores in vacanza in Liguria, il Ligorna ne fa tre

LIGORNA-LEGNANO     3-1    (2-0)

 

LEGNANO: Colombo, Roma, Lazzati, Bellagente, Chiodini (38’ st De Paola), Colombini (1’ st Strafezza), Kurpalaj, Cipullo, Bzethaj (1’ st Cozzi), Virzì, Giorgetti (1’ st Merico). All. Apollo.

 

RETI: 2’ 1-0, 5’ 2-0, 9’ st Strafezza, 32’ st 3-1).

 

Brutto scivolone della Juniores. A Ligorna, contro una squadra battuta all’andata 6-0, i ragazzi di Apollo sono caduti nell’errore che il tecnico temeva di più: quello di sottovalutare gli avversari e sentirsi troppo sicuri dopo sette risultati utili consecutivi.

Approccio sbagliatissimo, dimostrato da un fatto eclatante: dopo 5 minuti il Legnano era già sotto 2-0 per due errori difensivi. E se il portiere Colombo non avesse parato un rigore e non si fosse opposto con bravura alle conclusioni avversarie, la squadra avrebbe potuto subire la stessa sorte toccata all’andata agli avversari.

Il primo gol è nato da una palla persa a metà campo da Kurpalaj: l’avversario ha vinto l’uno contro uno con Chiodini e ha insaccato. Tre minuti dopo altra palla velenosa persa questa colta da Bellagente, l’attaccante del Ligorna si è infilato tra i due centrali troppo distanti tra loro e ha raddoppiato. Almeno due parate decisive di Colombo hanno consentito al Legnano di non affondare.

Nell’intervallo Apollo ha deciso di cambiare modulo: dal 4-4-2 al 3-5-2, con tre sostituzioni simultanee a inizio frazione per cercare di cambiare le cose. Non è cambiato molto, anche se qualcosina in più si è visto. Dopo il rigore fallito dagli avversari è arrivato il 2-1 di Strafezza, pronto a ribadire sul secondo palo una palla arrivata dopo un batti e ribatti in area.

La mancanza di concentrazione si è vista proprio qui: sul 2-1 bisognava dare tutto, invece una nuova distrazione è costata il 3-1. Quattro uomini hanno chiuso su un attaccante lasciando completamente libero l’altro sulla lunetta. La conclusione da eurogol si è infilata nel sette.

All’82’ la seconda occasione per rimetterla in piedi, un rigore che avrebbe riaperto i giochi per un eventuale forcing finale. Purtroppo Virzì ha calciato malamente consentendo al portiere una facile parata.

Apollo è duro nel commento: “Gara bruttissima. Per tutta la settimana ho spiegato i rischi di questa partita. Quando si perde umiltà convinti di essere diventati forti si incorre in queste debacle. Purtroppo i ragazzi non hanno capito i valori della maglia che indossano. Storica, unica, bellissima”.