Legnano a Fenegrò: grande attesa per il big match

In campo nel big match per onorare la memoria di un grande della storia lilla. Il Legnano, a Fenegrò, avrà un motivo morale in più per conquistare i tre punti: rendere omaggio alla memoria di una grande campione come Franco Pian, protagonista dell’età aurea dei gloriosi colori lilla.

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

:Le difficoltà della partita si presentano da sè: il Fenegrò ha continuato a rinforzarsi sul mercato per arrivare all’obiettivo promozione. Una concorrente diretta che condivide il terzo posto a 29 punti e vanta giocatori fortissimi in tutti i reparti. Il Legnano però non è da meno e arriva carico e sereno all’appuntamento. L’unico problema riguarda Mazzini, alle prese con un’infiammazione al ginocchio: non sarà in campo ma andrà in panchina, pronto a entrare se ci sarà bisogno. Ha invece recuperato Nasali, in ballottaggio con Ortolani nella difesa a tre. Il modulo e la formazione, a parte il possibile ingresso di Nasali (nella foto), sono confermati, con Ronchi e Foglio sulle fasce. La lettura di mister Fiorito è chiara: “Dobbiamo accorciarci per evitare di dare spazio a Scapinello tra le linee e impedirgli di suggerire le sue verticalizzazioni. Dobbiamo tenere Anzano e Pizzini lontano dalla nostra area e far male davanti con la coppia Grasso-Crea e con la qualità dei nostri esterni”.