Legnano corsaro contro i corsari: Bingo sbanca Sestri

SESTRI LEVANTE-LEGNANO 0-2 (0-2)

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

 

SESTRI LEVANTE: Salvalaggio, Cavalli (44’ st Zanoli), Iurato, Pane, Chella, Selvatico, Ferretti, Marianelli (20’ st Cuneo), Marquz, Scarlino (20’ st Buso), Cirrincione. All. Ruvo.

 

LEGNANO: Russo, Diana (19’ st Febbrasio), De Stefano D., Beretta, Nava, Luoni, Braidich (37’ st Frau), Bingo (19’ st Pellini), Cocuzza, Ronzoni, Gasparri. All. Sgrò.

 

RETI: 8′ pt Bingo, 31′ pt Bingo.

 

E sono tre! Lo attendevamo dall’inizio dell’anno e il filotto di vittorie è arrivato. Naturalmente si punta ad allungarlo, ma gustiamoci questi 9 punti in 3 partite che ci restituiscono un Legnano all’altezza della sua tradizione.

A Sestri, i cui giocatori sono soprannominati corsari, la vittoria è stata chiara e netta grazie a un primo tempo di controllo assoluto, in cui lo sterile possesso palla del Sestri non ha fruttato nulla mentre i ragazzi, attendendo il momento giusto per colpire, hanno affondato i colpi, per poi dominare il gioco, almeno nel primo tempo. Doppio Bingo, bravo a sfruttare due erroracci della difesa, ma il Legnano ha sfiorato per altre tre volte il gol.

Un piccolo brivido all’inizio, quando Ferretti ha messo alto un traversone dalla destra. Subito dopo il terzino ligure ha completato la sua giornataccia con uno sciagurato passaggio al portiere su cui Bingo si è infilato insaccando.

I ragazzi hanno lasciato giochicchiare i padroni di casa attendendo il momento per sferrare il colpo mortale. Al 21’ proprio Bingo ha sprecato un contropiede efficacissimo di Diana. Al 26’ nuova azione verticale, questa volta dello stesso Bingo che si è guadagnato una punizione al vertice destro dell’area. Ottima l’esecuzione di Cocuzza, ma altrettanto il volo di Salvalaggio che ha tolto la palla dall’angolino.

Questione di minuti. Al 31’ ancora Bingo ha rubato palla a Iurato e si è involato verso la porta ma da posizione defilata, avvicinandosi a Salvalaggio parallelamente alla linea di fondo. Il suo sinistro non ha perdonato. 2-0 e grande carica per i ragazzi.

Dopo un tiro alto di Selvatico, niente che facesse tremare i polsi, Beretta ci ha provato dal limite, chiamando il portiere ligure a un altro miracolo. Al 43’ nuova occasione sprecata dal Legnano: Cocuzza lanciata verso la porta ha concluso sull’esterno della rete.

Il secondo tempo si è aperto con un’altra occasione lilla: Ronzoni è sceso palla al piede fino al limite e ha servito Braidich. Il diagonale del centravanti croato è stato un po’ debole per impensierire Salvalaggio.

Da qui in poi la squadra ha amministrato senza troppi patemi. Il Sestri ha provato in tutti i modi ad accorciare le distanze, arrivando a impegnare Russo in un’uscita a peso morto, al 17’. Sul corner seguente prima lo stesso Russo e poi Beretta hanno murato le due conclusioni più pericolose del Sestri in tutta la partita. Al 20’ Maranelli ha messo alto da due metri.

Sgrò è intervenuto con dei cambi per blindare il risultato. La prestazione difensiva è stata perfetta, con Russo e Luoni attentissimi e un Nava imperiale. Al 46’ l’ultimo tentativo del Sestri con un tiro a fil di palo da fuori area.

Ad oggi i risultati della cura Sgrò sono tanti ed evidenti: serenità nella testa, che si traduce in sicurezza in campo; difesa impenetrabile, in cui i tre veterani danno sicurezza ai giovani. A centrocampo abbiamo scoperto un Beretta di grande spessore, mentre davanti con la potenza di Braidich e un imprendibile Bingo i totem Gasparri e Cocuzza non sono più soli nella loro missione; oltre alle vittorie con le piccole, affrontiamo alla pari anche le grandi. Il filotto di vittorie ci riavvicina al quinto posto. Il 2 maggio il recupero col Varese, poi la partita col Pont Donnaz al Mari. Due appuntamenti che potrebbero aprire scenari fino a poche domenica fa impensabili. Avanti così!