felipe

Felipe ha detto sì!

Un attacco atomico!

Felipe Ianni ha detto sì. Uno dei colpi più importanti del mercato lilla è arrivato oggi ed è la conferma del bomber brasiliano.

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

Fino a qualche settimana fa nessuno avrebbe scommesso un centesimo sulla possibilità di rivedere il cannoniere di Araraquara con la maglia del Legnano. La retrocessione sembrava aver sancito un doloroso addio. Ma il progetto Munafò lo ha conquistato.

Il direttore sportivo Francesco Cuscunà ha condotto un paziente lavoro per dare a Felipe la certezza che non c’è piazza più nobile e adatta per dare una svolta alla sua carriera. E prima ancora, naturalmente, alle ambizioni del Legnano. Fisicamente la firma non è ancora arrivata semplicemente perché Felipe si trova in vacanza in Brasile. Ma la notizia, ovviamente, è ufficiale.

Come è stato possibile questo grande colpo? Lo spiega il ds Cuscunà: “Due cose lo hanno convinto: si chiamano Legnano e Giovanni Munafò. Ha capito che nessun altro posto può dargli le stesse gratificazioni e possibilità. Ma fondamentale è stato il colloquio col presidente, che gli ha dimostrato la serietà e la qualità del progetto tecnico e societario”.

Ciò che Felipe ha fatto è nei ricordi di tutti: 10 gol in un solo girone, giocato in gran parte con una squadra in gravissima difficoltà. Poi il miracolo, reso possibile soprattutto dai suoi gol, la clamorosa risalita non coronata dalla salvezza ma comunque memorabile.

Ciò che invece potrà fare in un attacco con Stefano Panigada lo vedremo da settembre. E non vediamo l’ora, perché è difficile immaginare un attacco meglio assortito e con tanta varietà di soluzioni. Un’altra gemma della presidenza Munafò per dimostrare la forza del nuovo progetto.