Il Legnano espugna il mitico Piola

PRO VERCELLI – LEGNANO    0-1    (0-1)

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

 

LEGNANO: Colombo, Chiarello (6’ st Pilo), Mazzucca (15’ st Shtyllaj), Di Genio (33’ st Bellagente), Bagnasco, Colombini, Graci (24’ st Gioia), Ferrari, Virzì, Costa, Bzhetaj (36’ st Zana). All. Apollo.

 

RETE: 14’ pt Costa.

 

I ragazzi avevano gli occhi sgranati, visibilmente emozionati nel calcare l’erba del Piola di Vercelli, uno stadio da sette scudetti. E devono aver provato un orgoglio profondo, a fine partita, nell’averlo espugnato con pieno merito.

La Juniores di mister Apollo merita un dieci e lode per quanto fatto nella difficile trasferta contro i bianchi della Pro. Nonostante la formazione rimaneggiata, il Legnano ha giocato un’ottima gara: reparti compatti, concentrazione, nessun cedimento nervoso, belle trame e occasioni da gol. Il risultato poteva essere anche più largo.

La partenza lilla è stata a spron battuto: al 7’ Bzhetaj ha colpito il palo su punizione; all’11’ Ferrari ha concluso debolmente un ottimo suggerimento di Mazzucca. Quindi il gol, al 14’, su una ripartenza, palla difesa da Di Genio a centrocampo e poi lancio su Bzhetaj che ha messo in mezzo all’area a Costa che ha insaccato splendidamente al volo alla sinistra del portiere.

Il gol ha dato ulteriore convinzione al Legnano, che poco dopo con Ferrari ha impegnato il portiere avversario in una parata difficilissima. Nella ripresa il rischio era la reazione della Pro Vercelli, ma la squadra non ha mai perso concentrazione e ritmo ed è andata ancora vicina al raddoppio con Ferrari. L’assalto finale dei padroni di casa non ha mandato in affanno i ragazzi, attesi adesso alla difficile prova interna col Seregno.