Il Legnano gioca ma non segna, la Casatese ci punisce

CASATESE – LEGNANO 2-0 (0-0)

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

CASATESE: Pirola, Corna, Ghilardi, De Angelis, Perego M., Menegazzo, Sala (19′ st Morlandi), Mecca, Comberiati 42′ st Seroa), Isella (42 st′ Morganti), Pontiggia (25′ st′ Recino).
All. Mazzoleni.

LEGNANO: Russo, Caradonna, Moracchioli (22′ st′ Bertoli), Bini, Bettoni, Di Lernia (22′ st Barazzetta), Quaggio, Bingo, Ravasi, Confalonieri, Gasparri. All. Sgrò (in panchina Bragè)

RETI: 2′ st Isella, 12′ st Mecca.

 

Peccato. Il Legnano esce sconfitto dal confronto diretto contro la Casatese con un punteggio troppo severo per la prestazione offerta. I motivi della sconfitta sono chiari: poco cinismo in avanti, dove ci vorrebbe più cattiveria e precisione nelle conclusioni, e il valore degli attaccanti di casa, che invece sono stati impietosi nel concretizzare le opportunità.

Il peccato non si riferisce a meriti o demeriti: nel calcio vince chi la mette dentro e la Casatese non è certo stata a guardare. Il Legnano però ha disputato un ottimo primo tempo, facendo la partita, manovrando in velocità e mettendo sotto pressione la retroguardia di Mazzoleni, apparsa vulnerabile. Per questo non bisognava avere incertezze o indugi nei sedici metri. L’azione emblematica la si è vista già al primo minuto: apertura di Confalonieri, cross di Bingo e conclusione al volo di Gasparri. Tutto molto bello, ma la conclusione del capitano, con palla schiacciata a terra, è rimbalzata oltre la traversa. Quattro minuti dopo Ravasi ha rubato palla al portiere Pirola, senza riuscire però a chiudere verso la porta. La Casatese si è resa pericolosa due volte nel giro di un minuto, all’8′: Di Lernia ha perso una palla velenosa aprendo uno spazio invitante a Sala. La conclusione si è spenta di poco a lato, ma deviata. Sul corner il gigante Isella ha spolverato la traversa di testa, anche se Russo era sicuramente sulla traiettoria.

Al 25′ Ravasi si è girato bene in area, concludendo in diagonale di poco a lato. Al 35′ Caradonna di testa ha impegnato Pirola. Al 38′ Bingo, con il portiere uscito fino al fallo laterale, non ha trovato lo spazio per concludere o mettere in mezzo a porta vuota, facendosi respingere il cross. Al 44ì la più bella azione di tutta la partita: controllo perfetto di Gasparri, palla in mezzo a Quaggio, sponda al volo di prima per Ravasi e conclusione ancora di prima a fil di palo. Un primo tempo tonico del Legnano, che doveva essere coronato dal vantaggio.

La ripresa purtroppo è iniziata con una doppia doccia fredda. Al 2′ il vantaggio della Casatese, con un gol evitabilissimo: Russo ha respinto la conclusione di testa di Pontiggia, la palla è finita a centro area dove una serie di indugi nel rinviare ha consentito a Isella di concludere da pochi metri nell’angolo alla destra di Russo. La reazione del Legnano è stata immediata, perché due minuti dopo Bingo ha colpito una clamorosa traversa dal limite. Nel tentativo di recuperare si è aperto qualche varco invitante per le ripartenze della Casatese, e sulla prima Mecca, liberissimo in area, si è visto scaricare una palla facile facile per il due a zero.

Al 22′, a dimostrazione anche di poca fortuna, un tiro da ottima posizione di Di Lernia è stato respinto accidentalmente da Quaggio. Al 32′ un tiro cross di Ravasi ha passato tutto lo specchio, senza che un piede lilla riuscisse a toccare per il tap in vincente. Sospetto rigore per il Legnano quattro minuti più tardi, con veementi proteste dei ragazzi per un fallo di mano. Al 40′ Russo ha evitato il tre a zero chiudendo alla sua maniera su Ghilardi solissimo. Ovvi rischi della situazione. Uno spazio invitante è stato trovato poco dopo dal fortissimo Isella, che ha concluso di poco fuori. Se la Casatese ha meritato di vincere per la qualità dei suoi avanti, il Legnano meritava sicuramente qualcosa di più per la prestazione. Guardiamo avanti perché arrivano venti giorni durissimi in cui bisognerà affrontare Desenzano e San Giuliano e recuperare col Villa Valle, oltre a far visita al Ponte San Pietro. L’atteggiamento e il gioco fanno ben sperare, il gruppo ha una compattezza encomiabile. Questo Legnano merita i play off e non lascerà nulla di intentato per raggiungerli.