Legnano molle: sconfitta inattesa a Vimercate

LEON-LEGNANO 1-0 (0-0)

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

LEON: Pulze, Venza, Concina, Aldè, Portaro, Rondelli, Schiavo, Achenza (41′st Moreo), Bonseri (21′ st Paparella), Ferrè (21′ st Leotta), Citterio (33′ st Marzullo).
All. Motta.

LEGNANO: Tamma, Barbui (42′ st Robbiati), Moracchioli (11′ st Bertonelli), Bini, Bettoni, Ronzoni, Beretta (11′ st Caradonna), Confalonieri (5′ st Todaj), Quaggio, Ravasi (28′ st Barazzetta), Gasparri. All. Sgrò.

RETE :2′ st Schiavo.

 

Caduta senza troppe attenuanti sul campo della Leon. Due salvataggi sulla linea dei difensori avversari non bastano per ritenersi soddisfatti della prestazione dei ragazzi a Vimercate.

La squadra, che ci sta dando grandissime soddisfazioni, sembra dare il meglio quasi sempre tra le mura davvero amiche del Mari, mentre in trasferta da tempo soffre di una debolezza intermittente difficile da spiegare.

E’ bastato un gol in contropiede di Schiavo a inizio ripresa per regolare la pratica. L’attaccante brianzolo ha approfittato di una prateria lasciata dalla nostra retroguardia, sorpresa a metà campo da un lancio lungo. Cinquanta metri di fuga per presentarsi davanti a Tamma e trafiggerlo sul primo palo.

Il primo tempo è stato soporifero. L’unica vera occasione da rete l’hanno avuta i padroni di casa al 42’, su un retropassaggio di testa di Bini su cui Citterio si è catapultato di testa accarezzando il palo.

Al 52’, cinque minuti dopo il gol, la Leon ha sfiorato il raddoppio con una traversa di testa dell’ex Rondelli.

La reazione del Legnano ha avuto un sussulto solo tra il 69’ e l’82’ con una grande parata di Pulze su botta di Caradonna e soprattutto con il salvataggio sulla linea di Leotta, un altro ex, su colpo di testa di Bini. All’82’ ancora Quaggio si è visto respingere il pallone da Rondelli a portiere battuto.

Un po’ poco per una squadra reduce da una bellissima partita contro l’Arconatese e lanciata verso un secondo posto ampiamente insperato a inizio stagione. Resta apertissima la lotta per il secondo posto, perché anche il Brusaporto ha perso sul campo del Caravaggio e il Desenzano è caduto contro l’Arconatese. Il problema è che ora si è fatto minacciosamente sotto anche il pericoloso Ciserano e per i play off è un’autentica bagarre. La Caratese ha raggiunto il Legnano e sarà lotta durissima nelle ultime tre giornate. Il campionato ha anche emesso il suo verdetto più importante: il Sangiuliano City Nova è matematicamente promosso in serie C. Congratulazioni alla squadra di mister Ciceri.

Domenica al Mari arriva il Villa Valle, altra pericolante assetata di punti salvezza: l’imperativo è la posta piena, nella speranza di recuperare Marco Di Lernia e tenere a distanza gli inseguitori.