Legnano scialbo, ma il Mago Crea lo illumina

LEGNANO-ARDOR LAZZATE 1-0 (0-0)

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

LEGNANO: Pasiani, Ronchi (36’ st Calviello), Miculi, Provasio, Bianchi, Nasali (34’ st Ortolani), Foglio, Amelotti, Mazzini (14’ pt Giardino), Crea, Borghi (36’ st Curci). All. Fiorito.

ARDOR LAZZATE: Bardaro, Cristiano (39’ st Magro), Carrafiello, Marchini (28’ st Velocci), Ferrari, Sala, Brugnera, Buccini, Gambino, Villa, Raimondo. All. Chiodini.

RETE: 42’ st Crea

Il Mago la vince. Quasi all’ultimo respiro. Un gol di Crea, fortunoso ma meritato per la sua prestazione individuale, regala al Legnano tre punti pesantissimi. Un tiro da appena dentro l’area, deviato da Sala, ha scavalcato Bardaro e si è insaccato, consegnando ai lilla una vittoria a quel punto insperata.

E benissimo così, perché la prestazione della squadra e di molti singoli non è stata di quelle da ricordare. Anzi. Il primo tempo è stato uno dei peggiori di tutta la stagione, abulico e bolso. L’Ardor ha potuto controllare senza sforzo l’incontro, creando anche l’unica vera occasione al 44’, quando Villa ha tirato improvvisamente da 30 metri, mirando l’angolino con precisione chirurgica. A togliere le castagne dal fuoco ci ha pensato un prodigioso Pasiani, che con la punta delle dita ha davvero strappato la palla dal sacco. Prima era successo poco o nulla, se non un colpo di testa di Gambino al 5’ e un tiro fuori di poco di Crea al 38’.

Nella ripresa la musica non è cambiata troppo, perché il Legnano ha preso sì le redini, ma in modo slegato e con troppi errori individuali. Crea, però, ha spiccato di gran lunga su tutti i 22 in campo. Ha preso la squadra sulle spalle e ci ha provato in ogni modo, fino a riuscirci con l’aiuto della sorte. Al 3’ il Mago si era presentato con una semirovesciata facile preda di Bardaro, ma segnale di avvertimento sulle sue intenzioni. Al 6’ Gambino ha girato di poco a lato di testa, poi il Legnano ha sfiorato il gol con un colpo di testa di Nasali su cross di Crea, parato da Bardaro. Al 30’ Amelotti, oggi non in giornata, ha messo alto di testa dopo la respinta di Bardaro su cross di Foglio.

Il risultato non deve far dimenticare la brutta prestazione, perché serve un altro Legnano per le prossime sfide (Castellanzese, Alcione e Busto 81). Ma deve anche dare carica, perché questi tre punti sono pesantissimi e rilanciano in pieno la corsa play off.