Prima bagnata e fortunata nel 2023. Il Legnano batte il Bra grazie a Vernocchi

Di misura, su un campo difficile causa meteo e contro una squadra che punta ai play off. Il Legnano batte 1-0 il Bra al Mari e si regala un 2023 che parte con il sorriso.

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

In avvio subito un brivido per i padroni di casa, tiro dal limite di Gregori che prende il palo interno: la palla resta a pochi metri dalla porta difesa da Ravarelli e Quintadamo calcia a botta sicura esaltando il portiere lilla. Il Legnano si fa vedere poco dopo quando al 4’ Banfi saggia i riflessi di Ujkai e conquista un angolo. Prima del quarto d’ora bel contropiede con Kone che serve Cani che non trova il gol con un diagonale debole da posizione defilata. Pericolo al 16’ quando Talarico si fida troppo del manto erboso del Mari, che nonostante la pioggia ha retto, e mette in difficoltà con un retropassaggio Ravarelli che pressato da Menabò colpisce proprio il numero 9 avversario ma il pallone esce sul fondo. Va molto peggio nell’altra area al collega del Bra che al minuti 21 respinge una punizione potente di Donnarumma e regala a Vernocchi il pallone del vantaggio. Al 29’ ancora una buona occasione per Banfi che non trova il gol, la rete la trova Pagani che sul tiro respinto dal palo di Cani viene però giudicato in offside dall’assistente al minuto 42’.

Nella ripresa la stanchezza e il campo sempre più provato dalla pioggia che torna a inzuppare il campo hanno la meglio. All’8’ destro debole di Kone. Due minuti dopo Menabò dalla distanza non impensierisce Ravarelli. Al 12’ trova ottimamente il tempo di area Banfi che mette però alto il pallone spiovente messo dentro dalla sinistra. Tra i cambi si mette subito in luce il neo entrato Calabrò che con un diagonale mancino sfiora il colpo del ko al 27’. Il Legnano ha il merito di non mettersi in difficoltà non concedendo molti piazzati al Bra che fa tirare un sospiro di sollievo al Mari all’ultimo minuto quando Gymah schiacci di testa un pallone che si accomoda però tra le braccia di Ravarelli.

Arrivano tre punti che l’Ac Legnano che dedica questa vittoria a Ernesto Castano giocatore lilla e della Juventus campione d’Europa nel 1968. Con lui anche la leoncina Gaia, tifosa lilla venuta a mancare lo scorso anno e a cui la curva nod ha dedicato una coreografia, e Fabrizio ultras lilla che ci ha lasciato da due anni.