giovanni munafò

Respinto il ricorso del Lumezzane, il Legnano resta in Eccellenza

Anche l’ultima, inattesa speranza di risalire subito in serie D è sfumata. Il Collegio di Garanzia dello Sport del Coni, presieduto da Mario Sanino, ha respinto ieri il ricorso del Lumezzane che chiedeva il ripescaggio in serie C. Non si libera quindi un ulteriore posto in C. I bresciani restano in quarta serie e il Legnano in Eccellenza. Come previsto, quindi, il debutto dei lilla in campionato sarà il 10 settembre a Lodi contro il Fanfulla, mentre la prima partita al Mari sarà il match di Coppa Italia contro il Calvina, mercoledì 13 settembre.

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

Anche se qualcuno era tornato a sognare, il presidente Giovanni Munafò è sempre stato realista: “Ripartiamo da dove ci eravamo lasciati, cioè la retrocessione sul campo nei play out a Busto Garolfo. E lo facciamo con grande entusiasmo. Spero che i tifosi ci siano vicini come sempre: cinque anni fa questa squadra gloriosa era in Prima Categoria e loro c’erano, quindi saranno più che mai la nostra forza. Non ne faccio un dramma: ripartiamo per conquistare la D sul campo”.

Tra i regali di cui la società avrebbe fatto volentieri a meno c’è anche un punto di penalità, ufficializzato giovedì per una questione vecchia di tre anni: gli arretrati chiesti dall’ex allenatore Umberto Cortellazzi. Risalgono al 2014 e la nuova dirigenza lilla ha saldato questo vecchio debito risalente a gestioni precedenti. Era necessario anche per essere ammessi al campionato, qualsiasi fosse la categoria: “Ce lo aspettavamo – ha spiegato il presidente Munafò – Abbiamo rimediato noi a un debito creato da altri, ma il ritardo ha comportato la penalizzazione. Noi legnanesi siamo spallati e forti: rimbocchiamoci le maniche, abbiamo molti imprenditori vicini, un settore giovanile rinato, una squadra competitiva, tifosi impareggiabili. Cancelleremo anche questo handicap e risaliremo dove il Legnano merita”.

Quanto ai dubbi sullo stato dell’erba del Mari, il presidente puntualizza: “Ci è stato assicurato che il terreno sarà in condizioni buone entro il 13 settembre. I tifosi troveranno anche altre novità nell’impianto, come il rifacimento delle panchine con materiali di ultima generazione, grazie ad Amga e a Carlo Bandera, con cui c’è sintonia totale”.