Munafò, Ferrara e Palo: “Girone tosto, annata esaltante”

La prossima stagione il Legnano sarà protagonista nel Girone A di Serie D. Ecco le reazioni del nostro presidente, Giovanni Munafò, del direttore sportivo Raffaele Ferrara e del tecnico Antonio Palo.

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

News offerta da:

Così Antonio Palo: «Ero convinto che il città di Varese sarebbe stato inserito nel nostro girone ma questa sfida ce la regalerà la Coppa. Guardando alle nostre avversarie posso dire che sarà una stagione molto equilibrata. Guardando al mercato delle altre squadre credo che tante siano attrezzate per fare bene ma non ci sia una favorita netta. Pensiamo come ho sempre detto ai ragazzi, viviamo giorno per giorno concentrandoci una sfida alla volta: ora testa al Varese dopo il triplice fischio penseremo alla gara del 4 settembre con il Bra».

Il direttore sportivo Raffaele Ferrara non nega una preferenza per questo girone: «Personalmente preferisco da sempre il girone A perché con la presenza di altre tre regioni mi da sempre un sapore diverso. Guardando alla sua composizione ero curioso di capire quali sarebbero state le Lombarde inserite e ora posso dire che vivremo un derby con la Castellanzese e una piacevole novità con la Castanese. Allargando l’analisi penso che con il passare delle giornate emergeranno le 4-5 formazioni con possibilità di vittoria finale ma sarà una stagione combattuta. Per me sono importanti queste ultime settimane d’agosto, stiamo monitorando possibili innesti e ci faremo trovare pronte se troveremo profili ci permettano di raggiungere i risultati prefissati».

Infine, last but not least, il presidente Giovanni Munafò: «Approcciamo il campionato con convinzione e determinazione. Attendo di vedere la squadra al completo, qualcuno tra i giovani deve ancora abituarsi a vestire una maglia come la nostre. Intanto voglio fare i miei complimenti al direttore per il lavoro svolto e la professionalità dimostrata. Sul girone dico solo che manca solo una sfida contro un’altra piazza storica come il Varese».